Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/220: BROOKS KOEPKA FA IL BIS ALL'US OPEN

Il terribile campo di Shinnecock Hills fa strage di big


TREVISO - Risale al 1891 la storia di questo percorso che nasce a 12 buche, alle porte di New York. Seguirono le altre 6 nel 1895, poi subì modifiche nel 1920, per essere completato nel 1931. Oggi il percorso è un par 70 di ben 6.808 metri. Da sempre considerato tra i più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Le mie gare sono una sfida con me stesso, è un piacere arrivare al traguardo.

DUEROCCHE, LA SFIDA DI MORENO PESCE

Amputato alla gamba, sarà tra i protagonisti dell'edizione 2017


CORNUDA - La sfida e il sogno sono le dimensioni più congeniali a Moreno Pesce, amputato alla gamba sinistra in seguito ad un incidente stradale. Sarà tra i protagonisti dell’edizione 2017 della Duerocche e sabato 8 aprile sarà a Cornuda per la presentazione ufficiale della manifestazione.

Moreno, nato a Noale nel Veneziano ma da alcuni anni vive ad Auronzo di Cadore, nel Bellunese, parteciperà per la prima volta all’evento del 25 aprile grazie ad una protesi in fibra di carbonio e titanio.
 
Un incidente, ma io preferisco vederlo come un’opportunitàspiega Moreno -. E’ stato un modo per fare un reset della mia vita e ripartire. La ripresa non è stata facile, ma oggi vivo esperienze che non mi sarei mai aspettato di fare nemmeno da normodotato. A tutti dico: gioite per me, perché sto facendo quello che più mi piace”.

Grazie ad una protesi in fibra di carbonio e titanio, ma anche a un indomabile carattere e a una tenacia fuori dal comune, Moreno Pesce è diventato una celebrità nel mondo del trail. Nelle ultime stagioni si è specializzato nelle vertical race, gare brevi e con un dislivello da paura, tanto che nel 2016 ha partecipato all’intero circuito Vertical Up, prove in cui alla salita si aggiunge la neve.

Le mie gare sono una sfida con me stessocontinua Moreno -. Quando gli organizzatori mi permettono di partecipare, è un piacere arrivare al traguardo. Sono anche alpinista, quest’anno mi piacerebbe raggiungere la cima della Grande di Lavaredo con la mia guida Lio de Nes. Mentre, per quanto riguarda il trail, l’anno scorso ho provato il terzo vertical per difficoltà al mondo, il Vertical di Fully in Svizzera (1.920 metri di sviluppo per 1.000 metri di dislivello, ndr). Vorrei riprovarci”.

La sua prossima sfida sarà però il 25 aprile. Sulle colline trevigiane, Moreno Pesce affronterà la Duerocche storica, prova sui 14 chilometri da Asolo a Cornuda. “Non vedo l’ora di provarla, mi sono già studiato l’altimetria e lo sviluppo. Sarà un piacere vedere il paesaggio dall’alto”.
 
Sabato 8 aprile alle ore 17 nella sala consiliare del Comune di Cornuda, presentazione ufficiale dell’evento. Moreno Pesce sarà tra gli ospiti d’onore. Anche per lui inizia il conto alla rovescia.