Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/166: I GIORNALISTI GOLFISTI SI SFIDANO IN EMILIA

Il Challenge Aigg fa tappa al club Le Fonti e Bologna


BOLOGNA - Siamo in Emilia, per la terza e quarta tappa del Challenge Aigg Diavolina, e la prima giornata è al Club “Le Fonti”. Ci affacciamo ai piedi dell’appennino tosco emiliano in comune di Castel San Pietro Terme, appena un po’ a est di Bologna sulla storica Via...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/165: TWENTY DOUBLE CUP, LA RYDER VENETA

Tra sport e goliardia, i "Rossi" si aggiudicano la seconda edizione della gara


VENEZIA - Una competizione speciale, festosa, trascinante! Due gruppi di amici, abituati a sfottersi goliardicamente quando giocano a Golf, dopo una partita a Jesolo lo scorso anno, hanno avuto l’idea di provar a cimentarsi in gara a squadre, al fine che le rispettive derisioni trovassero...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/164: THE MASTERS , SERGIO GARCIA È IL MIGLIORE DEI "MAESTRI"

Nel prestigioso major di Augusta, primo trionfo dello spagnolo


AUGUSTA (USA) - Siamo al primo dei quattro tornei stagionali di maggior spicco nella stagione golfistica maschile: i 4 Majors. Il Masters è torneo dal fascino antico, il più rilevante; dal 6 al 9 aprile se ne gioca l’edizione 81, sulle consuete 72 buche. È infatti l'unico...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La banda è stata condannata per furto aggravato

I CARABINIERI ARRESTANO PER FURTO UNA FAMIGLIA SERBA

Preso di mira un negozio di abbigliamento a Segusino


TREVISO - I carabinieri di Valdobbiadene hanno arrestato 5 stranieri per furto aggravato: sono 4 serbi ed un macedone: una intera famiglia con due complici. Il gruppo ha compiuto una serie di furti in una ditta di Segusino: bottino vari capi di vestiario. La tecnica era sempre la stessa: una persona, coadiuvata dagli altri complici intenti a distrarre le commesse, aveva nascosto all’interno dei propri pantaloni due giacche a vento in vendita, dalle quali aveva rimoso con un apposito magnete, i dispositivi antitaccheggio. La refurtiva, del complessivo di circa 500 euro, è stata ritrovata in un'auto.
Oggi dopo la convalida degli arresti gli imputati sono stati condannati ad un anno di reclusione, pena sospesa.