Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/220: BROOKS KOEPKA FA IL BIS ALL'US OPEN

Il terribile campo di Shinnecock Hills fa strage di big


TREVISO - Risale al 1891 la storia di questo percorso che nasce a 12 buche, alle porte di New York. Seguirono le altre 6 nel 1895, poi subì modifiche nel 1920, per essere completato nel 1931. Oggi il percorso è un par 70 di ben 6.808 metri. Da sempre considerato tra i più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La banda è stata condannata per furto aggravato

I CARABINIERI ARRESTANO PER FURTO UNA FAMIGLIA SERBA

Preso di mira un negozio di abbigliamento a Segusino


TREVISO - I carabinieri di Valdobbiadene hanno arrestato 5 stranieri per furto aggravato: sono 4 serbi ed un macedone: una intera famiglia con due complici. Il gruppo ha compiuto una serie di furti in una ditta di Segusino: bottino vari capi di vestiario. La tecnica era sempre la stessa: una persona, coadiuvata dagli altri complici intenti a distrarre le commesse, aveva nascosto all’interno dei propri pantaloni due giacche a vento in vendita, dalle quali aveva rimoso con un apposito magnete, i dispositivi antitaccheggio. La refurtiva, del complessivo di circa 500 euro, è stata ritrovata in un'auto.
Oggi dopo la convalida degli arresti gli imputati sono stati condannati ad un anno di reclusione, pena sospesa.