Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Appuntamento mercoledì 12 aprile ore 20.45 all'Altromercato Store, Treviso

FIERA4PASSI, LE STORIE DEI GIOVANI PARTITI PER L'AFRICA

Insieme a Medici con l'Africa CUAMM


TREVISO - Appuntamento mercoledì 12 aprile ore 20.45 all'Altromercato Store di viale della Repubblica a Treviso per scoprire le storie dei giovani che decidono di partire insieme a Medici con l'Africa Cuamm. Un incontro aspettando la Fiera 4 Passi che si terrà sempre a Treviso tra il 29 aprile e il 7 maggio e a cui parteciperà anche il Cuamm.

Nel corso della serata sarà proiettata una puntata diCiao mamma, vado in Africa”, serie tv che racconta il continente africano attraverso gli occhi e le voci dei giovani medici e cooperanti. Sarà presente anche Elisa Marcellan, dottoressa 33enne che alla fine del 2015 ha lavorato in Mozambico.
Come Elisa, i protagonisti di “Ciao mamma, vado in Africa” sono professionisti, non necessariamante in fuga, partiti alla volta dell'Africa insieme ai volontari del Cuamm per coronare un sogno o per fare un'esperienza nell'ambito della cooperazione e dello sviluppo. La serie indaga le motivazioni che hanno spinto i giovani trentenni a partire e descrive le situazioni, spesso complicate, in ci hanno dovuto mettersi in gioco. Le loro testimonianze rappresentano istantanee su realtà in frenetico cambiamento, inusuali e liberi punti di vista che possono aiutare lo spettatore a capire qualcosa di più sull'Africa.

La serie tv “Ciao mamma, vado in Africa” è realizzata da Nicola Berti, con la sceneggiatura di Marco Lodoli, per Medici con l’Africa Cuamm, grazie al contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e in collaborazione con TV2000.

È possibile sostenere il lavoro di Medici con l’Africa Cuamm con una donazione su c/c postale 17101353 e online su www.mediciconlafrica.org: con 40 euro è possibile garantire il parto assistito a una futura mamma. Per contribuire con il proprio 5x1000, il codice fiscale del Cuamm è 00677540288.

Medici con l'Africa CUAMM
Nata nel 1950, Medici con l’Africa Cuamm è la prima Ong in campo sanitario riconosciuta in Italia e la più grande organizzazione italiana per la promozione e la tutela della salute delle popolazioni africane. Realizza progetti a lungo termine in un’ottica di sviluppo, intervenendo con questo approccio, anche in situazioni di emergenza, per garantire servizi di qualità accessibili a tutti. In 65 anni di storia sono state 1.615 le persone inviate, 221 gli ospedali serviti, 41 i paesi d’intervento e 165 i programmi principali realizzati.
Oggi Medici con l’Africa Cuamm è impegnato in 7 paesi dell’Africa sub-Sahariana (Angola, Etiopia, Mozambico, Sierra Leone, Sud Sudan, Tanzania, Uganda) con 827 operatori (213 europei e 614 africani),72 progetti di cooperazione principali e un centinaio di micro-realizzazioni di supporto; appoggia 14 ospedali, 35 distretti (per attività di sanità pubblica, assistenza materno-infantile, lotta all’Aids, tubercolosi e malaria, formazione), 3 scuole infermieri e 2 università (in Etiopia e Mozambico).