Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/240: A DONNAFUGATA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG 2018

I giornalisti golfisti si sfidano in Sicilia


DONNAFUGATA - Il maltempo aveva imperversato fino il giorno prima, e continuava a devastare parte della Sicilia. Non eravamo in molti giornalisti praticanti di golf provenienti da mezza Italia, a prendere il coraggio e andar a sostenere il Campionato già da tempo programmato. Donnafugata, il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Chervò il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il presidente Pignata: "Auspicavamo il gruppo unico, ora si collabori"

CREDITO TREVIGIANO SCEGLIE IL GRUPPO BANCARIO ICCREA

Il cda ufficializza la decisione della bcc di Vedelago


VEDELAGO - Il consiglio di amministrazione di Credito Trevigiano ha deliberato di proporre ai soci, nell’assemblea del 21 maggio prossimo, l’adesione a Iccrea come futuro GBC-Gruppo Bancario Cooperativo.
“Fin dal varo della normativa di riforma del credito cooperativo - precisa il presidente Pietro Pignata - la nostra bcc ha auspicato la costituzione di un unico Gruppo bancario cooperativo. Una soluzione che avrebbe consentito di mettere a fattor comune le eccellenze presenti da decenni nel movimento. In mancanza di un tale presupposto abbiamo dovuto avviare un meditato ed approfondito processo di analisi che ha coinvolto gli organi sociali, la cirezione ed i responsabili delle principali funzioni aziendali. La scelta, quindi, è il frutto di valutazioni di tipo strategico, patrimoniale, industriale e tecnico che hanno interessato tutti gli aspetti che impattano in modo rilevante sulla gestione della nostra banca di credito cooperativo".
L’auspicio del consiglio di amministrazione - conclude Pignata è che "in futuro le due banche, che si sono candidate a capogruppo dei costituendi gruppi bancari, sappiano attivare proficue collaborazioni affinchè si creino comuni opportunità di business senza dimenticare le comuni caratteristiche della cooperazione, della mutualità e del localismo".