Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/240: A DONNAFUGATA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG 2018

I giornalisti golfisti si sfidano in Sicilia


DONNAFUGATA - Il maltempo aveva imperversato fino il giorno prima, e continuava a devastare parte della Sicilia. Non eravamo in molti giornalisti praticanti di golf provenienti da mezza Italia, a prendere il coraggio e andar a sostenere il Campionato già da tempo programmato. Donnafugata, il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Chervò il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Fermato dai Carabinieri mentre cercava di fuggire

VAMPIRO DEL GASOLIO ARRESTATO A VITTORIO VENETO

Un 34enne ha prosciugato il sebatoio di uno scavatore in un'azienda di Cozzuolo


VITTORIO VENETO - E' stato bloccato mentre si allontanava in tutta fretta da un'azienda agricola in località Cozzuolo. I carabinieri di Vittorio Veneto hanno arrestato per furto aggravato G. M., 33 anni, residente nella stessa città vittoriese, celibe, disoccupato, pregiudicato.
I militari erano intervenuti dopo che nella ditta era scattato l'allarme anti-intrusione ed hanno notato un'auto, con a bordo una persona, che cercava di dileguarsi. Dopo un breve inseguimento, intimato l’alt, il mezzo è stato fermato e gli uomini dell'Arma hanno effettuato un primo controllo: il conducente è apparso subito particolamente nervoso e, soprattutto, era sporco di gasolio.
A confermare i sospetti, nella vettura sono stati trovati vari arnesi da scasso, tra cui un piede di porco, un cacciavite ed alcune torce elettriche. Un successivo accertamento, compiuto insieme al titolare, all'interno dell'azienda, ha mostrato che ad un escavatore parcheggiato nell’autorimessa era stato forzato il tappo del serbatoio ed era stato prelevato del carburante. La tanica è stata recuperata poco dopo, nascosta proprio nei pressi della strada che il vittoriese stava percorrendo per fuggire.