Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/260: WGC, L'ÉLITE MONDIALE SI SFIDA IN MATCH PLAY

Vittoria a Kisner, ottimo terzo Francesco Molinari


AUSTIN (TEXAS) - È il secondo dei quattro eventi stagionali del World Golf Championship, le cui gare sono di livello inferiore solo ai major. Il WGC -Dell Technologies Match Play che si gioca in Texas sul percorso dell’Austin CC, è di spessore assoluto: nel field sono stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/259: AL VIA LA NUOVA STAGIONE DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Come di consueto l'Aigg apre il campionato 2019 al Marco Simone


ROMA - La primavera era già esplosa, quando siamo andati a Roma per l’avvio del tour dei giornalisti golfisti. Alla prima giornata di tappa, però, abbiamo preso la pioggia. Come di consueto, il primo incontro era al Marco Simone Golf & Country Club, alle porte di Roma, che...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/258: GUIDO MIGLIOZZI ESULTA AL KENYA OPEN

Primo successo sull'European Tour del 22enne vicentino


NAIROBI (KENYA) - Dopo aver seguito le prodezze di Francesco Molinari in Florida impegnato nel Players Championship, trasferiamoci ora in Kenya, a seguire la destrezza degli azzurri impegnati nel Magical Kenya Open del Tour europeo, sul percorso del Karen CC a Nairobi.Degli azzurri, a scendere in...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Annunciato l'ingaggio del terza linea di origini tongane

IL BENETTON RUGBY SI RAFFORZA, ECCO NASI MANU

"Contento di essere allenato da Kieran Crowley"


TREVISO -Il Benetton Rugby ha annunciato l'ingaggio di Nasi Manu. Neozelandese di origini tongane è nato il 15 agosto 1988, pesa 118 kg ed è alto 190 cm. Flanker o numero 8 ha tra le sue caratteristiche principali la prestanza fisica che gli permette di essere un potente ball carrier dalle ottime qualità tecniche. Inoltre la sua esperienza internazionale e l’aver rivestito il ruolo di capitano lo rendono un atleta dotato di leadership. La carriera professionistica di Manu comincia nel 2007 a Christchurch con la maglia dei Canterbury, con i quali va in meta già all’esordio nella Air New Zealand Cup contro i Counties Manukau. In quello stesso anno con la nazionale neozelandese U.19, allenato da Kieran Crowley, vince il campionato mondiale giovanile. Nella stagione successiva viene presto selezionato dai Crusaders prendendo parte al Super 14 ed aggiudicandoselo a soli 19 anni (in quella squadra giocavano Dan Carter, Richie McCaw e Kieran Read quest’ultimo attuale capitano degli All Blacks facente ancora parte della franchigia rossonera neozelandese, ndr) Due volte campione della Mitre 10 Cup nel 2010 e 2011 con i Canterbury, Manu viene poi scelto dagli Highlanders con i quali giocherà sino al 2015 riuscendo a battere in finale contro ogni pronostico gli Hurricanes e vincendo così il Super Rugby da co-capitano ed insieme al futuro compagno di squadra Marty Banks. Al termine di quella stagione Manu lascia gli Highlanders per trasferirsi ad Edimburgo: ad oggi con la franchigia scozzese ha collezionato 16 presenze e realizzato 20 punti.
“Sono davvero grato al Benetton Rugby per la fiducia e l’opportunità che mi ha dato. Non vedo l’ora di essere allenato di nuovo da coach Crowley e conoscere la cultura e lo stile di vita italiano. Nella mia permanenza a Treviso spero di giocare il mio miglior rugby e continuare a crescere sia come giocatore che fuori dal campo, non mi resta che aspettare la fine di maggio per poter cominciare la pre-stagione con i miei nuovi compagni”
Queste le parole del direttore sportivo Antonio Pavanello: “Ai fini della costruzione e realizzazione del nostro progetto è molto importante per noi riuscire a portare a Treviso un giocatore come Nasi Manu. Ricordo che tre anni fa, nella fase del mio passaggio da giocatore a direttore sportivo, guardando la finale vinta dagli Highlanders lo vidi giocare e pensai che mi sarebbe piaciuto averlo in rosa. Quest’anno della stessa mia opinione è stato anche Kieran che avendolo già allenato, conosce bene le sue qualità e le sue doti di leader. Non possiamo che essere felici del suo arrivo in biancoverde”