Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/217: IL GOLF FINALMENTE VA IN TELEVISIONE

Sul campo di Ca' della Nave registrata la trasmissione di Bucarelli e Lanza


MARTELLAGO - È ben noto il disappunto del golfista che non è abbonato Sky, per non aver l’opportunità di vedere in chiaro le partite di golf nei programmi nazionali, seppur costretto a pagare il canone Rai. Non saprei a cosa ascrivere questo svantaggio sulla testa degli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nato a Napoli, si era trasferito da ragazzino nella Marca

OPERAIO TREVIGIANO 20ENNE MUORE TRAVOLTO DA UNA LASTRA DI METALLO

Vincenzo Romano stava lavorando in una fonderia di Reggio Emilia


REGGIO EMILIA - Un tragico incidente sul lavoro è costato la vita ad un giovane di origini napoletane, ma da anni residente a Treviso. Vincenzo Romano, vent'anni, è morto schiacciato da una lastra di metallo, mentre stava eseguendo delle manutenzioni all'interno della fonderia Iron Castings, di Mancasale, frazione del comune di Reggio Emilia, insieme ai colleghi della ditta di carpenteria "Graziano Alessandrini" di Maserada. Secondo la prima ricostruzione elaborata dalla Polizia e dai tecnici dello Spisal, l'operaio ventenne stava smontando una siviera, ovvero uno dei grandi secchi per distribuire il metallo fuso negli stampi. All'improvviso, però, una delle paratie si è staccata travolgendolo in pieno. I colleghi che erano insieme a lui hanno cercato di spostare la pesante lastra, sollevandola a mano, ma non sono riusciti ed è stato necessario prendere un carrello elevatore. Nel frattempo, è stato dato l'allarme al 118: i sanitari del Suem hanno prima provato a rianimare il ragazzo sul posto e poi l'hanno portato d'urgenza all'ospedale della città emiliana, ma per lui non c'è stato purtroppo nulla da fare: troppo gravi le lesioni da schiacciamento riportate.
Vincenzo era nato a Napoli, ma si era trasferito nella Marca da ragazzino con la famiglia: prima a Paderno di Ponzano e poi nel capoluogo, in via Ronchese. A Paderno era rimasto però molto legato, continuando a giocare a calcio nella locale società e a partecipare al celebre palio con la squadra del suo quartiere. Dopo il diploma all'istituto alberghiero Alberini di Lancenigo, da un paio d'anni aveva iniziato a lavorare.