Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/165: TWENTY DOUBLE CUP, LA RYDER VENETA

Tra sport e goliardia, i "Rossi" si aggiudicano la seconda edizione della gara


VENEZIA - Una competizione speciale, festosa, trascinante! Due gruppi di amici, abituati a sfottersi goliardicamente quando giocano a Golf, dopo una partita a Jesolo lo scorso anno, hanno avuto l’idea di provar a cimentarsi in gara a squadre, al fine che le rispettive derisioni trovassero...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/164: THE MASTERS , SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE DEI "MAESTRI"

Nel prestigioso major di Augusta, primo trionfo dello spagnolo


AUGUSTA (USA) - Siamo al primo dei quattro tornei stagionali di maggior spicco nella stagione golfistica maschile: i 4 Majors. Il Masters è torneo dal fascino antico, il più rilevante; dal 6 al 9 aprile se ne gioca l’edizione 81, sulle consuete 72 buche. È infatti l'unico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/163: IL CHALLENGE AIGG DIAVOLINA 2017 PRENDE IL VIA DAL MARCO SIMONE

L'ospitalitÓ di Laura Biagiotti e della figlia Lavinia per l'esordio del circuito dei giornalisti golfisti


ROMA - Come ogni anno, ha tappe importanti il challenge AIGG Diavolina. Questa laziale ne è il debutto, nella consueta due giorni romana, sicuramente considerevole. Oggi siamo al “Marco Simone” a Roma, proseguirà domani al “Terre dei Consoli” nel viterbese, per successivamente far tappa al “Bologna” e a “Le Fonti” in Emilia Romagna, a “Punta Ala” e “Terme di Saturnia” in Toscana, a “Cà della Nave” e “Montecchia” in Veneto, al “Colline del Gavi” e “Villa Carolina” in Piemonte, e a “Bergamo” e “Villa d’Este” in Lombardia. Oltre a questo giro d’Italia, c’è l’Alpen Cup in tre tappe nei GC di Asiago,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il terza linea arriva dai Crusaders neozelandesi

GRAN COLPO DEL BENETTON RUGBY: WHETU DOUGLAS

"A Treviso voglio fare del mio meglio"


TREVISO - Il Benetton Rugby ha annunciato l'arrivo dai Crusaders, terza linea, di Whetu Douglas, talentuoso classe 1991 –190 cm x 107 kg- dopo essersi messo in mostra con le maglie del Waikato e dei Maori All Blacks, quest’anno è stato chiamato dalla franchigia neozelandese con sede a Christchurch all’arduo compito di sostituire il capitano degli All Blacks Kieran Read, quest’ultimo out per un intervento chirurgico al polso. Nonostante sia stata la sua prima esperienza in Super Rugby, Whetu ha dimostrato di possedere le qualità tecniche e fisiche per poter adempiere al compito che gli è stato assegnato. Il terza linea centro è stato infatti impiegato in sei dei sette match al momento disputati dai Crusaders andando in meta tre volte e guadagnandosi così la stima di coach Robertson che avrebbe preferito tenerlo in squadra sino al termine della competizione che vede coinvolte le franchigie provenienti da Australia, Nuova Zelanda, Sud Africa, Argentina e Giappone. Whetu che ha già lasciato Christchurch, in queste settimane si occuperà delle ultime pratiche burocratiche per poi raggiungere i nuovi compagni biancoverdi in tempo per l’inizio della pre-stagione. Queste le sue prime parole da Leone: “Sono entusiasta di giocare nel Benetton Rugby e sperimentare tutto quello che la cultura italiana ha da offrire a me e alla mia famiglia. In questi mesi ho avuto la possibilità di parlare a lungo con il direttore sportivo Pavanello e con coach Crowley rimanendo impressionato dai loro progetti per il club, farò del mio meglio per aggiungere valore alla squadra dentro e fuori dal campo.” Il direttore sportivo Antonio Pavanello ha tenuto a sottolineare: “L’esserci mossi in tempo sul mercato ci ha permesso di portare a Treviso un giocatore talentuoso come Whetu. Le sue performance in Super Rugby e le parole di apprezzamento che i Crusaders hanno speso nei suoi confronti, non fanno che confermare l’ottima intuizione che avevamo avuto mesi fa nel volerlo in squadra con noi. Leader del Waikato ha tra suoi punti di forza l’essere dotato di una buona mobilità e di importarti skills che lo rendono pericoloso in fase offensiva.”