Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/165: TWENTY DOUBLE CUP, LA RYDER VENETA

Tra sport e goliardia, i "Rossi" si aggiudicano la seconda edizione della gara


VENEZIA - Una competizione speciale, festosa, trascinante! Due gruppi di amici, abituati a sfottersi goliardicamente quando giocano a Golf, dopo una partita a Jesolo lo scorso anno, hanno avuto l’idea di provar a cimentarsi in gara a squadre, al fine che le rispettive derisioni trovassero...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/164: THE MASTERS , SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE DEI "MAESTRI"

Nel prestigioso major di Augusta, primo trionfo dello spagnolo


AUGUSTA (USA) - Siamo al primo dei quattro tornei stagionali di maggior spicco nella stagione golfistica maschile: i 4 Majors. Il Masters è torneo dal fascino antico, il più rilevante; dal 6 al 9 aprile se ne gioca l’edizione 81, sulle consuete 72 buche. È infatti l'unico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/163: IL CHALLENGE AIGG DIAVOLINA 2017 PRENDE IL VIA DAL MARCO SIMONE

L'ospitalitÓ di Laura Biagiotti e della figlia Lavinia per l'esordio del circuito dei giornalisti golfisti


ROMA - Come ogni anno, ha tappe importanti il challenge AIGG Diavolina. Questa laziale ne è il debutto, nella consueta due giorni romana, sicuramente considerevole. Oggi siamo al “Marco Simone” a Roma, proseguirà domani al “Terre dei Consoli” nel viterbese, per successivamente far tappa al “Bologna” e a “Le Fonti” in Emilia Romagna, a “Punta Ala” e “Terme di Saturnia” in Toscana, a “Cà della Nave” e “Montecchia” in Veneto, al “Colline del Gavi” e “Villa Carolina” in Piemonte, e a “Bergamo” e “Villa d’Este” in Lombardia. Oltre a questo giro d’Italia, c’è l’Alpen Cup in tre tappe nei GC di Asiago,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il presidente Cenedese: "Abbiamo scelto Iccrea per soliditÓ e competivitÓ"

CENTRO MARCA BANCA, DOPO LA FUSIONE UTILE A 3,2 MILIONI DI EURO

Numeri in crescita per la bcc, assemblea il 28 aprile


TREVISO - La fusione non ha affatto rallentato la corsa di CentroMarca Banca. La bcc con sede lungo il Terraglio ha chiuso il bilancio 2016, il primo dopo l'incorporazione della Cassa rurale e artigiana di Treviso, operativa proprio dall'inizio dell'anno scorso. L'esercizio registra un utile netto di 3 milioni e 259mila euro: risultato che avrebbe potuto essere ancora migliore, considerando gli 802mila euro versati per il sostegno ad altre banche italiane in difficoltà.
Il Cet 1, principale indicatore di solidità patrimoniale, sale al 16,14%, sopra la media delle bcc venete e del sistema italiano, i costi operativi si riducono del 15,58%, la copertura dei crediti deteriorati si attesta sopra il 50%. Numeri oltre le aspettative, sottolinea il direttore generale Claudio Alessandrini: “Abbiamo investito molto nella formazione dei nostri collaboratori, con oltre 9400 ore, ma anche nell’informazione ai nostri clienti – spiega - accompagnandoli alla consapevolezza che per garantirsi un futuro sereno è necessario investire anche in previdenza integrativa e nel comparto assicurativo”. E i bancari di Cmb devono aver saputo usare argomenti convincenti, visto il boom – più 63% - dei fondi pensioni sottoscritti.
In generale, i 40 milioni in più di raccolta (più 20%), ribadiscono i vertici, testimoniano la fiducia della clientela, mentre sul fronte impieghi Cmb l'anno scorso, ha erogato 85 milioni di euro, equamente divisi tra famiglie (43 milioni) e imprese (42).
Ora la banca guarda al futuro: “Per affrontare le sfide che il mercato oggi ci impone dobbiamo garantire solidità, sicurezza, innovazione e competitività – afferma il presidente Tiziano Cenedese - diventa più che mai necessario trovare nuove strategie che convergano verso l’unione ad un Gruppo Bancario forte e capace, in grado di competere efficacemente con i grandi gruppi nazionali”. Centro Marca ha già annunciato la sua adesione al Gruppo Iccrea: la scelta verrà sottoposta all’assemblea dei soci il 28 aprile prossimo. Una decisione, assicura Cenedese, che pure non nasconde che avrebbe preferito giungere ad un gruppo unico, effettuata sulla base di valutazioni squisitamente tecniche.
E dato il successo della recente aggregazione, Cmb punta ad un'ulteriore crescita, per rispondere alla tendenza alla concentrazione predominante in tutto il mercato bancario: sul tavolo del cda il dossier per l'unione con Banca Santo Stefano di Martellago. Entro la fine della primavera dovrebbe arrivare il responso e, se positivo, le nozze potrebbero celebrarsi entro fine anno.

Galleria fotograficaGalleria fotografica