Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Obiettivo raccogliere fondi per famiglie del territorio in difficoltà

OLTRE 400 GIOVANI CALCIATORI PER RICORDARE FABIO OLIVOTTO

Al via la 5^ edizione del torneo a S. Lucia e Cappella Maggiore


PIEVE DI SOLIGO - Fine settimana all’insegna del “grande calcio giovanile”. Presenti oltre quattrocento giovanissimi atleti provenienti da diverse delle più famose associazioni calcistiche nazionali, questo, in occasione del V° Torneo di beneficenza in memoria di Fabio Olivotto, un ex calciatore professionista, morto qualche hanno fa di S.L.A. ricordato da tutti oltre che per le sue ottime attitudini di calciatore, anche per i valori di lealtà, coraggio, altruismo e senso della realtà. Per l’occasione hanno già dato la loro adesione le seguenti squadre: Atalanta – Belluno – Carenipievigina – Chievo Verona – Cittadella – Giorgione – Lia Piave – Liventina – Montebelluna – Nervesa della Battaglia – Padova – Pordenone – S. Lucia di Piave – Udinese – Union Q.d.P. – Venezia – Vicenza – Vigontina – Vittorio Veneto – Voluntas Brescia. Come anteprima alla 5a edizione 2017 del Torneo gli organizzatori hanno inserito quest’anno, per la prima volta anche un torneo riservato alla categoria pulcini a 7 misti, con 8 squadre di società locali che si svolgerà il primo giorno, sabato 22 Aprile, presso lo stadio di Santa Lucia di Piave . Per le giornate del 23-24-25 Aprile, gli incontri si svolgeranno oltre che nello stadio di S.Lucia di Piave anche nello stadio di Cappella Maggiore con i seguenti orari: Domenica 23 Aprile e Lunedì 24 Aprile dalle ore 10.30 alle 17.30 mentre, martedì 25 Aprile dalle 9.30 alle 18.30 si giocherà presso lo stadio di S. Lucia di Piave (12 gare in totale con finale prevista alle 18.30).

Come tiene a sottolineare il presidente dell’associazione, Antonio Maset, Fabio era un ragazzo che come tanti amava lo sport e che fin da piccolo si innamorò del gioco del calcio praticandolo con passione nel campo del proprio paese di Nervesa della Battaglia e successivamente a Mareno di Piave, Vicenza e poi a Pieve di Soligo con l’Euromobil Pievigina con la quale ottenne risultati storici in quanto disputò, da protagonista e da capitano, anche alcuni campionati tra i professionisti. In 12 anni a Pieve di Soligo è stato ricordato, oltre che perle sue ottime attitudini da calciatore, anche per i valori di lealtà, coraggio, altruismo e senso di responsabilità.

Quando nel 2002 gli venne diagnosticata la S.L.A. ci fu una vera e propria mobilitazione, un continuo via vai di amici e colleghi al suo capezzale. Tutti quelli Antonio Maset, presidente associazione Amici di Fabioche lo hanno seguito nei 10 anni di sofferenza hanno toccato con mano gli effetti devastanti della malattia che, ancora oggi, non perdona. La malattia lo ha reso infermo, inizialmente a letto e poi addirittura su di una carrozzina, alimentato con flebo e bisognoso di un respiratore artificiale. Fabio poteva relazionare soltanto attraverso un computer speciale che gli permetteva di scrivere parole e pensieri attraverso il battito delle ciglia rivolte verso lo schermo. In quei terribili anni , familiari ed amici si sono resi conto delle immani difficoltà e del disagio, anche di natura economica, a gestire la situazione. Fu così che un gruppo di amici organizzò, in una serata del 2010 una partita di calcio in suo onore (presso lo stadio di Pieve di Soligo) a cui parteciparono più di 80 ex calciatori, suoi compagni di squadra. In tale circostanza fu realizzata una raccolta fondi finalizzata ad aiutare i bisogni di Fabio. Il generoso contributo delle tantissime persone presenti all’evento permise l’acquisto di un automezzo attrezzato che gli consentì di potersi spostare senza abbandonare la carrozzina ed il respiratore artificiale. Ed è con tale spirito, che lo stesso gruppo di amici, a distanza di pochi mesi dalla sua morte (maggio 2012), decise di ricordare l’amico fondando un’associazione aperta a tutti coloro che non solo avevano avuto la fortuna di conoscerlo ma che volevano essere portatori di un messaggio di speranza e di conforto verso persone che si trovano in situazioni di difficoltà nel combattere malattie, relazioni, costi economici, assistenza e sofferenza. Le persone che costituiscono e lavorano per l’Associazione si sono poste come impegno il perseguimento di due obiettivi: ricordare l’amico calciatore nel tempo e raccogliere fondi, attraverso iniziative varie, da destinare in beneficenza a persone o famiglie in difficoltà, residenti nel nostro territorio
Diego Berti