Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'attivista trevigiana è stata aggredita nella sua riserva

AGGUATO IN KENIA, KUKI GALLMAN FERITA GRAVEMENTE

Gli assalitori sembrano appartenere all'etnia Pokot


TREVISO - L’attivista e scrittrice trevigiana, naturalizzata keniota, Kuki Gallman è stata ferita gravemente da un colpo di arma da fuoco nella sua riserva. La 73enne, nota per aver scritto il libro “Sognavo l’Africa”, da cui è stato tratto il film Sognando l’Africa, con Kim Basinger, è stata ferita “allo stomaco durante un attacco” al centro Laikipia Nature Conservancy, da lei creato, ha riferito la polizia. Kuki Gallman è stata trasportata “in elicottero verso Nairobi” e gli assalitori sembrano essere membri di un commando di etnia Pokot, che vivono in Kenya e in Uganda orientale. Le violenze sono esplose nella Rift Valley nelle ultime settimane di tensioni tra i mandriani semi-nomadi per la mancanza di piogge e circa 30 persone hanno perso la vita da dicembre. Nella regione di Laikipia migliaia di mandriani, anche armati, sono entrati illegalmente nei ranch privati e nelle riserve in cerca di mangime per il proprio bestiame. La sua riserva era già stata assaltata e saccheggiata alla fine di marzo. Nel 1972 si trasferì in Kenya col secondo marito Paolo e il figlio Emanuele, morti tragicamente rispettivamente nel 1980 e nel 1983. In loro memoria ha fondato nel 1984 la Gallman Memorial Foundation, un'organizzazione che si occupa della salvaguardia dell'ambiente.