Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Promossa dall'università dell'Età libera, si pregherà per le famiglie in difficoltà

DALLE PESTE ALLA CRISI ECONOMICA: A MONASTIER TORNANO LE ROGAZIONI

Martedì verrà riproposta l'antichissima processione


MONASTIER - Martedì 25 aprile verrà riproposta a Monastier la tradizione delle “Rogazioni maggiori”, le processioni che si facevano nei tempi antichi (risalgono al VII secolo d. C.) cantando le litanie dei santi e altre preghiere per implorare da Dio i beni spirituali e chiedere la protezione e la benedizione sui prodotti della terra, la città, il paese, la campagna, le acque. Da molto tempo non vengono più praticate.
Erminia Zamuner, presidente dell’Università dell’Età Libera- Treviso Est, in collaborazione con la parrocchia di Monastier (in particolare con il parroco Luigi Dal Bello), ha voluto ripristinarne almeno una. L’intento è quello di far conoscere ai giovani una tradizione passata, ma anche di pregare contro la crisi del periodo attuale.
La riforma liturgica prevede che vengano fatte le invocazioni e le preghiere con la benedizione al paese e alla terra, svolgendo almeno una processione per i giorni prima dell’Ascensione. La processione partirà da “Villa delle Magnolie” a Monastier alle 8.30; raggiungerà l’Abbazia, dove ci sarà la sosta per una merenda (come si usava una volta), per poi ritornare al punto di partenza.
Tutta la cittadinanza è invitata. Verrà offerta una croce fatta con il legno delle potature - anche questa antica tradizione -, realizzata dagli anziani ospitati nel Centro Servizi Villa delle Magnolie.


ANTICHISSIMO RITO DI RELIGIOSITA' POPOLARE

Con le “Rogazioni” si invocava la liberazione dalla peste, dalla fame e dalla guerra ed anche dalla folgore e dalla tempesta. (–“A peste, fame et bello libera nos Domine!”- e – “A fulgure et tempestate libera nos Domine!” -. "Ut fructus terrae dare et conservare digneris" (benedicendo la campagna) fedeli: "Te rogamus audi nos!".)
Si definivano Rogazioni Maggiori quelle che si facevano nella festa di San Marco e Rogazioni Minori quelle che si svolgevano nel triduo antecedente l’Ascensione (lunedì, martedì, mercoledì).
Sono antichissime. L’origine delle Rogazioni Maggiori risale all’anno 600 circa, quando Papa Gregorio I scelse la data del 25 aprile (giorno in cui, secondo la tradizione, S. Pietro giunse a Roma per fissare la sede del primato apostolico) per queste processioni, cristianizzando la festa pagana detta "Robigalia", in cui i Romani si rivolgevano alla divinità detta Ruggine perché proteggesse le messi dal male chiamato ruggine.

Le Rogazioni Minori sono state istituite da S. Mamerto vescovo di Vienna nel V secolo in sostituzione della processione pagana detta "Ambarvalia", che si faceva intorno ai campi, per tenervi lontane malattie e disgrazie.

Galleria fotograficaGalleria fotografica