Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/299: AD ABU DHABI WESTWOOD SI IMPONE SU UN SORPRENDENTE LAPORTA

Nel torneo in vigore le norma anti-gioco lento


ABU DHABI - Sono sette gli azzurri che partecipano al Championship di Abu Dhabi, il primo degli otto tornei sponsorizzati dalla Rolex nell’ambito dell’Eurotour. Sono numerosi, i campioni che iniziano l’anno 2020 negli Emirati Arabi Uniti all’Abu Dhabi GC, con lo statunitense...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL CIELO, IL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Operazione delle Fiamme Gialle di Venezia in tutto il Triveneto

USURA: ARRESTI DOMICILIARI PER UN SICILIANO DI LORIA

Inchiesta partita dalla denuncia di un imprenditore veneziano


TREVISO - Il Nucleo di Polizia Tributaria delle Fiamme Gialle di Venezia ha eseguito un'ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Vicenza che prevede gli arresti domiciliari per usura nei confronti di una messinese residente a Loria, e un commercialista di Bassano del Grappa. Nelle province di Vicenza, Padova, Venezia e Trento allo stesso tempo sono state eseguite 11 perquisizioni verso le due persone colpite dalle misure cautelari e di altri cinque indagati, a vario titolo, per estorsione e favoreggiamento reale. Tra le persone perquisite ci sono anche due avvocati veneziani, indagati per favoreggiamento reale, che si ritiene abbiano agevolato gli usurai nella riscossione dei crediti vantati illecitamente. Le indagini erano state avviate nell'ottobre 2016, dopo la denuncia di un imprenditore veneziano che ha raccontato di aver fatto ricorso a prestiti usurari per cercare di fronteggiare la situazione di difficoltà finanziaria in cui versava la propria società, situata in provincia di Venezia e operante nel settore dei servizi alle imprese. Dal 2012 avrebbe ricevuto 500 mila euro, restituendone oltre 780 mila. A seguito delle investigazioni, coordinate dalla Procura della Repubblica di Vicenza, è emerso che l'imprenditore si era rivolto al proprio commercialista allo scopo di ottenere prestiti per rifinanziare la propria azienda, il quale, consapevole della difficile situazione finanziaria dell'imprenditore, lo aveva messo in contatto con una coppia specializzata lla concessione di somme a tassi usurari.