Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Operazione delle Fiamme Gialle di Venezia in tutto il Triveneto

USURA: ARRESTI DOMICILIARI PER UN SICILIANO DI LORIA

Inchiesta partita dalla denuncia di un imprenditore veneziano


TREVISO - Il Nucleo di Polizia Tributaria delle Fiamme Gialle di Venezia ha eseguito un'ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Vicenza che prevede gli arresti domiciliari per usura nei confronti di una messinese residente a Loria, e un commercialista di Bassano del Grappa. Nelle province di Vicenza, Padova, Venezia e Trento allo stesso tempo sono state eseguite 11 perquisizioni verso le due persone colpite dalle misure cautelari e di altri cinque indagati, a vario titolo, per estorsione e favoreggiamento reale. Tra le persone perquisite ci sono anche due avvocati veneziani, indagati per favoreggiamento reale, che si ritiene abbiano agevolato gli usurai nella riscossione dei crediti vantati illecitamente. Le indagini erano state avviate nell'ottobre 2016, dopo la denuncia di un imprenditore veneziano che ha raccontato di aver fatto ricorso a prestiti usurari per cercare di fronteggiare la situazione di difficoltà finanziaria in cui versava la propria società, situata in provincia di Venezia e operante nel settore dei servizi alle imprese. Dal 2012 avrebbe ricevuto 500 mila euro, restituendone oltre 780 mila. A seguito delle investigazioni, coordinate dalla Procura della Repubblica di Vicenza, è emerso che l'imprenditore si era rivolto al proprio commercialista allo scopo di ottenere prestiti per rifinanziare la propria azienda, il quale, consapevole della difficile situazione finanziaria dell'imprenditore, lo aveva messo in contatto con una coppia specializzata lla concessione di somme a tassi usurari.