Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: È GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Carrus: "Perso solo il 5% dei clienti, ripartiamo da qui"

VENETO BANCA, AZIONE DI RESPONSABILITÀ "QUESTIONE DI SETTIMANE"

L'assemblea del gruppo montebellunese con 116 soci


MONTEBELLUNA - Tempi rapidi per il confronto con l'Europa sulla ricapitalizzazione e per l'azione dei responsabiltà nei confronti dei vecchi amministratori e per il fondo per i soci in gravi difficoltà economiche. Veneto Banca prova ad accelerare le prossime mosse. Anche se la rapidità nel secondo caso è assicurata dai vertici, mentre nel primo caso può essere solo auspicata.
“Nel mese di aprile l'intelocuzione è stata davvero serrata, i tempi che immaginiamo sono davvero brevi, però non stiamo guidando noi la macchina, facciamo di tutto perchè la macchina arrivi nel tempo più breve possibile”, ha sottolineato l'amministratore delegato Cristiano Carrus. “Anche perchè abbiamo voglia di iniziare a ricostruire questa banca”, ha aggiunto il presidente Massimo Lanza.
Il gruppo montebellunese ha tenuto ieri la sua assemblea ordinaria: i 147 presenti (deleghe comprese) segnano il minimo storico, in rappresentanza del 97,65 per cento del capitale. Il fatto che il 97,64% sia detenuto dall'azionista di maggioranza, il Fondo Atlante, lascia facilmente intendere l'esito delle votazioni: 99,99 per cento a favore dell'approvazione del bilancio, della conferma in cda di tre consiglieri (compreso Fabrizio Viola, amministratore delegato di BpV), del rinnovo del collegio sindacale e delle politiche di remunerazione.
Per l'azione di responsabilità contro i vecchi amministratori, Lanza ha ribadito che “gli atti di notifica sono quasi pronti, ormai è questione di settimane”. E oltre a quella contro gli amministratori dell'epoca Trinca- Consoli. Servirà ancora qualche giorno per la definizione dei criteri per l'accesso al fondo da 30 milioni istituito per gli azionisti in grave difficoltà.
L'amministratore delegato Carrus ha sottolineato come il piano industriale preveda “alla prima voce la fusione con Popolare di Vicenza”, che a sua volta ha svolto nelle stesse ore la sua assemblea.
L'intervento pubblico, ha ribadito il manager, è l'unica strada percorribile “perchè al momento non ci sono privati che abbiano manifestato interesse ad entrare”.
Il capo azienda ripercorso le varie crisi vissute negli ultimi anni e illustrato i numeri di bilancio “altamente negativi”, ribadendo come “stiamo facendo la pulizia di un Ventennio e non si può pulire in un anno quello che si fatto in venti”. Ha evidenziato però anche due elementi, a suo dire, che fanno ben sperare: “I soldi degli indennizzi a chi ha aderito all'Offerta di transazione, che abbiamo versato con puntualità sono rimasti nei conti concorrenti. Non c'è stata una fuga”. E poi: “Se abbbiamo perso il 13% dei crediti e il 18% di raccolta, abbiamo perso il 5% di clienti. Da qui dobbiamo ripartire”.