Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si confermano Gianandrea Salvestrin ad Asolo e Rosy Silvestrini per Impresa Donna

CNA TREVIGIANA RINNOVA LE CARICHE MANDAMENTARIE

Rino Carpenè neopresidente nel mandamento di Vittorio Veneto


TREVISO - Tornata elettorale nei mandamenti CNA della provincia di Treviso.
Rino Carpenè, artigiano termoidraulico, titolare di Siai Tecnology srl, è il nuovo presidente della CNA mandamentale di Vittorio VenetoGianandrea Salvestrin, titolare della Pasticceria Sarti di San Vito di Altivole, è stato riconfermato alla guida della CNA di Asolo, come, del resto, è confermata Rosy Silvestrini, titolare di Aurelia Edizioni di Asolo, alla guida di CNA Impresa Donna della provincia di Treviso.

Rino Carpenè, oltre ad essere uno stimato artigiano alla guida di un’azienda solida nata nel 1992, è persona conosciuta sul territorio per il suo impegno sociale. Dal 2010 al 2014 è stato capogruppo del Gruppo A.N.A. di Tovena, di cui attualmente è segretario. È inoltre responsabile del Reparto Salmerie della sezione A.N.A. di Vittorio Veneto, che sfilerà con gli ultimi muli alpini all’Adunata del Piave il prossimo 14 maggio.

«Dopo un accenno di ripresa all’inizio dell’anno, la congiuntura economica ora è tornata difficileha affermato il neo-presidente Rino Carpenè davanti ai colleghi del direttivo -: lavoreremo con ancora più impegno per dare futuro alle nostre imprese artigiane e per consolidare i rapporti con le istituzioni locali così come ha sempre fatto la gestione precedente, cogliendo anche tutte le opportunità connesse con le celebrazioni del 100º anniversario della Vittoria e della battaglia di Vittorio Veneto. La CNA considera il corpo degli alpini un interlocutore importante per lo sviluppo del territorio».

Sono non più 12 ma 15 gli imprenditori membri del direttivo mandamentale: Giovanni Carrer (ex presidente, ora nominato vice-presidente) e i consiglieri Paola Gianotto, Loredana Dal Vecchio, Andrea Campardo, Paolo Tomasi, Renato Zanette, Christian Tomasi, Giovanni Napol, Piero Uliana, Francesco De Bastiani, Angelo Lucio Di Stazio, Claudio Masut, Fiorenzo De Martin, Giovanni Varaschin.

Riconfermato invece, Gianandrea Salvestrin, 39 anni, titolare della Pasticceria Sarti di San Vito di Altivole alla guida della CNA di Asolo.

Salvestrin sarà affiancato per i prossimi quattro anni da un direttivo rinnovato per un terzo dei suoi componenti. Agli imprenditori già impegnati nello scorso mandato e ora riconfermati - Luigi Bordin, Michele De Zen, Francesco Pilotto, Mirella Serafin, Rosy Silvestrini e Michele Zavarise - si sono aggiunti Isaia Cervellin, Enrico Moro, Paolo Zanotto e Silvia Zancanaro.

«Abbiamo un direttivo giovane, con la maggioranza dei membri che hanno un età tra i 30 e i 40 anni, e questo ci permette di affrontare il futuro con la giusta consapevolezza e orientamento all’innovazione. - afferma Gianandrea Salvestrin - Il nostro motto è “globali e locali”. Lavoreremo dunque per sostenere le imprese nel processo di digitalizzazione, grazie anche alla collaborazione con il FabLab Castelfranco Veneto della cui compagine CNA Asolo fa parte, e per sostenerle in generale nel loro processo di crescita attraverso percorsi formativi specifici volte ad aumentarne la produttività e, se ci sono le condizioni, a internazionalizzare. A livello territoriale, continueremo a investire tempo ed energie nell’IPA per portare avanti tutti i progetti in campo, in particolare quelli relativi al turismo. Lavorare assieme alle Amministrazioni comunali ci permetterà di spingere sui processi di accorpamento delle funzioni dei Comuni in un’ottica di semplificazione e miglioramenti dei servizi alle imprese e alla popolazione in genere».

Dopo la relazione del Presidente, è intervenuta la direttrice Angelina Tedesco, che ha tirato un bilancio delle attività svolte finora a favore degli associati e dello sviluppo del territorio.

E confermata anche Rosy Silvestrini, 40 anni, titolare di Aurelia Edizioni di Asolo, ancora alla guida di CNA Impresa Donna della provincia di Treviso.

L’assemblea congressuale, che si è tenuta il 12 aprile scorso, ha eletto nel direttivo anche Catia Olivetto, con il ruolo di vicepresidente vicario, Anna Gobbo, Paola Crema, Antonella Cazzolato, Patrizia Roggio, Ilaria Pempinella, Nataliya Garashchuk, Veronica Montesel e Monica Perini.

«Dati recenti confermano che l’Italia è il primo paese in Europa per numero di donne imprenditrici – ha affermato Rosy Silvestrini nella sua relazione -. Un primato che ci deve rendere orgogliose, ma vigili. Perché, se è vero che un terzo della popolazione imprenditoriale italiana è rosa, in valore assoluto circa un milione e mezzo, e con un livello di istruzione superiore rispetto ai colleghi maschi, dall’altra parte ancora troppo spesso noi donne ci troviamo ad affrontare “muri culturali” ancora difficili da abbattere e ogni giorno le lavoratrici indipendenti pagano un welfare che troppe volte non le aiuta a conciliare lavoro e famiglia».

E sul tema della conciliazione dei tempi di vita con quelli del lavoro CNA Impresa Donna Nazionale ha iniziato un percorso di collaborazione con le università “La Sapienza” e “Tor Vergata” di Roma con l’obiettivo di elaborare un’indagine che vada ad analizzare le difficoltà connesse al bilanciamento tra vita lavorativa, vita familiare e vita personale. Perché sebbene questo tema sia molto dibattuto, ancora poche sono le indagini che si occupano direttamente del problema della conciliazione.

Affinché l’iniziativa abbia successo e si possano raccogliere le informazioni necessarie per sviluppare la ricerca (anche estrapolando dati utili per singoli territori) c’è bisogno che al questionario, che è rivolto a imprenditrici e imprenditori, a professioniste, professionisti e manager di tutta Italia, risponda il più alto numero possibile di soggetti.

È possibile rispondere al questionario cliccando sul sito www.cnatreviso.it

Galleria fotograficaGalleria fotografica