Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 Č DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'amarezza: "Con l'intervento dello Stato paghiamo due volte noi"

"NON SANNO DOVE ANDARE": I SOCI DI VENETO BANCA CONTRO IL MANAGEMENT

Dall'assemblea i timori per il futuro dell'istituto


MONTEBELLUNA - "Cosa sarà di questa banca?". SE lo domandano in molti tra i soci interevnuti all'assemblea di Veneto Banca. Dopo la rabbia delle passate edizioni, all'assise montebellunese si prova a guardare al futuro. Fabio Bello rivolge la questione al management: “I prossimi passi sono tracciati, fusione compresa. Mi sembra di assistere ad una farsa: parlano di ricapitalizzazione, Bce, aggregazione. Ma non rispondono alla domanda primaria: che missione si vuole dare a questa banca?”.
Per il socio di Campolongo Maggiore in provincia di Venezia, infatti, è essenziale efinire prima una strategia chiara. Proprio quelo che, a suo dire, manca attualmente ai vertici dell'istituto: Questo essenziale quesito preliminare, secondo il socio, continua ad essere eluso dal management: “Prima ancora di analizzare ogni riga del bilancio, un imprenditore deve sapere cosa vendere, a chi vendere, a che prezzo. Qui manca una visione chiara Una banca tradizionale non ha più posto sul mercato. E' come pensare di fare una nuova Alitalia e rubare passeggeri a Lufthansa. Devono recuperare i vecchi clienti, ma non spiegano come intendo farlo. La stessa decisione della Bce, tanto atteso, è di tipo formale, la vera questione è cosa fare dopo. Senza chiarire questi aspetti la banca non ha futuro: tra otto mesi saremo allo stesso punto di adesso, il capitale finisce e si dovrà fare un nuovo aumento. Non serve un master alla Bocconi”.
Per Gianni Gallo, storico imprenditore di Montebelluna e socio da sessant'anni, questa sarà l'ultima assemblea di Veneto Banca: “Semplicemente perchè dalla
prossima Veneto Banca non esisterà più”. “La fusione non è né un bene né un male - dice -. In Italia adesso ci sono mille istituti, dovranno rimanerne cento”. Anche Gallo non è troppo convito dell'azione dell'attuale dirigenza: “In tutti i settori a contare più di tutto sono gli uomini. Qui sono tutti da Milano, non c'è un veneto. “Non è vero che dobbiamo fare concorrenza ai grandi gruppi, bisogna guardare alle banche locali. Non dico certo di diventare una bcc, ma occcorre ripensare al locale, essere una banca di territorio".
Molti soci esternano l'amarezza per la situazione: "“Siamo di fronte ad una doppia perdita – ammette Maria Teresa Roda -, perchè ora metterà i soldi lo Stato, cioè noi, in una banca fallita, ma che non possiamo permetterci di far fallire”.

Si chiede più trasparenza sui conti, ad esempio delle controllate dell'Est Europa, e si insiste su una migliore dgestione dei crediti deteriorati per poter recuperare risorse da destinare ai soci azzerati.
E non manca chi chiama in causa i "controllori": "BpV ha mandato via gli amministratori e i revisori – sottolinea Riccardo Rocca -. Qui pare che l'unico cattivo sia Consoli. La Pwc (la società di revisione, ndr) l'anno scorso ha guadagnato sei milioni di euro, lo stipendio di cento dipendenti. Io avrei preferito tenere cento dipendenti e risparmiare i soldi della Pwc"