Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Serata di cante alpine con 60 voci da 15 formazioni della Marca

EMOZIONANTE PRIMA PER LA CANZONE DELL'ADUNATA

Il brano eseguito dal "Coro dei cori"


TREVISO - "Il Coro dei Cori” ha fatto rivivere a 400 persone la meraviglia sprigionata da brani della tradizione alpina ma anche da proposte contemporanee come “Quel che resta del giorno”, firmata dal maestro Angelo Bernardelli di Bresso, in provincia di Milano, vincitore del concorso di composizione corale “Una canzone per l’Adunata”.
Il "Coro dei cori"
Tanti applausi hanno segnato ieri sera all’Istituto Fermi di Treviso il concerto fortemente voluto dalla Sezione ANA presieduta da Raffaele Panno e coordinato magistralmente dal direttore artistico dell’Adunata, Ettore Galvani, presidente di Feniarco, Federazione Nazionale Italiana Associazioni Regionali Corali. Sessanta coristi appartenenti alle 15 formazioni corali della provincia di Treviso si sono uniti in via eccezionale formando “Il Coro dei Cori” e diretti dal maestro Giorgio Susana hanno interpretato classici come Monte Nero o il Testamento del Capitano e brani contemporanei d’effetto quali Benja Calastoria e Signore delle Cime di Bepi De Marzi. Il tutto grazie alla disponibilità dei singoli direttori di coro.

Ma il clou della serata intitolata “I Monti raccontano” e presentata da Francesco Brighenti, speaker dell’Adunata, è stata la premiazione del concorso che ha visto la partecipazione di quasi 70 musicisti di tutta Italia. Lo scopo – ha spiegato il Maestro Galvani – era quello di “infondere nuova linfa vitale ad un repertorio che ha ormai cent’anni”. Il che non significa dimenticare il passato ma onorarlo, sapendo guardare al presente e alle nuove generazioni. “Noi ricordiamo la storia e chi è caduto per la Patria ma sappiamo anche guardare avanti, valorizzando i valori alpini della solidarietà, della pace, dell’attenzione a chi è in difficoltà”.
Il concorso non è un atto isolato e fine a se stesso ma rientra in un progetto di Coralità Alpina sostenuto da Luigi Cailotto, presidente del COA, Comitato Organizzatore Adunata. “Vogliamo che l’Adunata non sia considerata una October Fest ma un momento aggregativo importante in cui condividiamo i nostri valori”. In questa prospettiva la coralità ha un ruolo fondamentale, sta nel dna delle penne nere e dai teatri si diffonderà nel cuore di Treviso sabato 13 maggio, con il concerto intitolato “Note di Notte” in cui i cori protagonisti dei tradizionali concerti nelle chiese (112 per 43 appuntamenti), conquisteranno 11 piazze della città e coinvolgeranno il pubblico poiché – precisa Galvani - “la coralità non si impone ma si diffonde e si vive facendo cultura”.
Il progetto è complesso e coinvolge istituzioni importanti come l’Asac, Associazione per lo sviluppo delle attività corali (ieri sera il presidente Nicola Ardolino era in prima fila), con il supporto delle Sezioni Ana che organizzano l’Adunata: Treviso, Conegliano, Vittorio Veneto e Valdobbiadene.
La premiazione di Angelo Bernardelli
Il primo atto con la premiazione del brano “Quel che resta” dedicato ai tanti morti dell’Ortigara che meritano rispetto e silenzio. Angelo Bernardelli – che ha diretto il suo brano nel bis - ha ricevuto, tra l’altro, una scultura realizzata dall’alpino-corista-fabbro Moreno Rattin di Breda di Piave. La qualità delle opere ha spinto la giuria a consegnare una segnalazione di merito Maurizio Santoiemma (Padova) per "Schiera di penne"; brani segnalati: "Improvviso, l'inverno" di Gian Pietro Capacchi (Parma), “Ardore alpino” di Bernardino Zanetti (Venezia), "Alpini della Julia" di Daniele Bof (Montebelluna-Treviso), "Figli del Piave" di Aldo Speranza (Feltre-Belluno), "L'Adunata" di Sebastiano Zanetti (Passons-Udine).

“Questo concorso è nato per valorizzare brani che incarnino gli autentici valori alpini e ricordino la Grande Guerra di cui ricorre il Centenario", ha commentato emozionato Raffaele Panno, presidente della sezione Ana di Treviso. Un’altra novità riguarda la pubblicazione di un volume contenente gli spartiti della canzone vincitrice e delle 6 segnalate in modo da offrire a tutti i cori la possibilità di sperimentarle. Il volume sarà diffuso durante l’Adunata del Piave.