Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: È GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ospita mostre su Hemingway, fisarmoniche e giovani artigiani

GLI ALPINI RIDANNO VITA ALL'EX CONVENTO DELLE CANOSSIANE A TREVISO

L'edificio, chiuso da anni, riaperto in occasione dell'Adunata


TREVISO - Per anni è stato un luogo chiuso che però al suo interno aveva continuano a “trattenere” i ricordi di migliaia di trevigiani che avevano trascorso la propria infanzia tra i banchi di scuola. L’ex convento delle Canossiane di via Manzoni, a Treviso, in occasione dell’Adunata nazionale degli Alpini è stato riaperto al pubblico. Ospita la mostra “Hemingway + Piave, le origini di una poetica”, trasferita dalla sua originaria collocazione del park hotel Villa Fiorita di Monastier. A questa sono state affiancate altre due rassegna: una sulle fisarmoniche di Francesca Gallo, unica donna in Europa a costruire questi strumenti musicali, e una mostra mercato con creazioni di giovani artigiani locali.
Le mostre saranno aperte giovedì 11 maggio dalle 18 alle 23 e da venerdì 12 a domenica 14 maggio, dalle 10 alle 23.
L'inaugurazone ufficiale è avvenuta sabato scorso, con la partecipazione del sindaco di Treviso Giovanni Manildo, dell’assessore alla Cultura Luciano Franchin, del presidente della ConfCommercio Renato Salvadori ma anche del generale Renato Genovese membro del Coa e consigliere nazionale dell’Ana e, in rappresentanza della sezione Ana di Treviso, il tesoriere Marco Simeon.
La ristrutturazione temporanea dell’ex convento è avvenuta in tempi da record: meno di due mesi fa c’erano solo uffici dismessi e tanta polvere, come ha ricordato Matteo Geretto organizzatore dell’evento e responsabile Comunicazione della Sogedi (il gruppo di cui fa parte l'hotel Villa Fiorita): “Il luogo che ci ospita, è un ex convento delle canossiane risalente al 1400, rimasto chiuso per quasi 10 anni. Ho voluto portare questa mostra qui, da Villa Fiorita di Monastier, in occasione dell'Adunata degli Alpini non solo per dare la possibilità di vedere questi racconti fotografici alle migliaia di persone che raggiungeranno a Treviso, ma anche per riqualificare questi spazi dimenticati da tempo.” Geretto ha raccontato anche un aneddoto: “In questi giorni, mentre ero qui ad allestire con i portoni spalancati, ho visto avvicinarsi molta gente incuriosita...in particolare mi ha colpito una signora anziana che con visibile commozione mi ha raccontato che era la sua scuola. Posso solo immaginare l'emozione che questi luoghi le hanno trasmesso” .
Il taglio del nastro è nell’ex chiesetta del Convento, mantenuta per l’occasione in penombra proprio per rispettare la sacralità dell'ambiente. Risaltavano solo i fasci di luce tricolore e il bancone “vestito a festa” riempito di fiori bianchi, rosso, verdi. A fare da sottofondo i canti della tradiazione alpina, dell'Ottetto Ana Treviso, alla prima esibizione pubblica. La mostre invece sono state collocate nelle parti interne.