Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 Č DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica sul mondo golfistico a cura di Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per la prima volta, l’abitudine di chiedere pubblicamente la protezione della divinità sulle macchine e gli attrezzi agricoli. La cosa continuò negli anni successivi in occasione del Primo maggio, e divenne tradizione ora più sentita che mai.
È un Comune, Martellago, guidato da un’amministrazione che rispetta la devozione della gente. Quanto detto è solo l’essenza dell’evento, ma la festa poi si allarga, indulge su tante cose simpatiche, divertenti, istruttive, e d’interesse pratico. Preceduta il giorno precedente da una gara ciclistica sul circuito di Martellago, oggi, primo maggio 2017, la festa allegra (per fortuna ce ne sono ancora di presenti nel Veneto). Alle 9.30, il parroco della chiesa di Santo Stefano celebra la messa all’aperto di fronte al municipio, al cospetto di buona parte del paese; intona la preghiera dell’autista, e procede alla benedizione di tutti i mezzi mobili appositamente confluiti, che ora comprendono, oltre ai mezzi agricoli, le vetture, le moto, le carrozzelle, le biciclette, perché anch’esse, oggi, hanno in parte perso la loro connotazione frivola, e servono soprattutto come mezzi di lavoro. Commovente! Dopodiché piazza e dintorni sono una girandola festosa, con tante manifestazioni. Un trenino a motore ospita chi vuole fare un giro per le strade del paese, incombenti i giochi gonfiabili giganti, ma lo sguardo è attratto dai ragazzi con i loro mercatini. Giovanissimi, di età compresa tra gli otto e i quattordici anni, per partecipare devono soggiacere a un preciso decalogo: la natura della merce dev’essere di loro esclusiva proprietà, e non comprendere alimenti e animali (si tratta per lo più dei loro vecchi giocattoli). Bella l’esibizione delle macchine d’epoca, che han fatto apripista alla “maratonina”, e la gimkana in bicicletta. Nella corte di S. Stefano, a cura di “Barbamoccolo”, il Cow Boy in festa, con esibizioni e sfoggi di abilità, giochi sui trampoli, musica, bolle giganti. Nell’apposito punto di ristoro, pranzo in piazza curato dalla Pro Loco. Nel pomeriggio il Pony games, con giochi a cavallo, esibizione di Go-Kart, il gruppo cinofili ha fatto stupire i presenti per le capacità dei cani, i tornei di calcio. Assieme a tutto ciò, era presente il Golf, a interessare grandi e piccoli, che potevano provar i colpi, istruiti da un forte e gentile atleta di questo sport, con l’intento di promuovere questa disciplina. Ad essa, la municipalità di Martellago è sempre stata sensibile, e non potrebbe essere altrimenti, visto che “Cà della Nave”, il cui ingresso al Campo è proprio nel centro del paese di fronte alla chiesa, è fiore all’occhiello per la cittadina. Sindaco e giunta da sempre hanno apprezzato la presenza del Campo che ha aiutato a far conoscere Martellago, ha portato turismo di qualità, ma soprattutto è in loro radicata la convinzione che questa attività aiuti a migliorare le persone nel comportamento e nella salute. Cà della Nave è certamente il Campo più famoso del Triveneto, conosciuto in tutto il mondo. Eccone in breve la storia: la villa cinquecentesca, voluta in origine dalla famiglia Priuli i cui eredi diedero ben tre dogi alla Serenissima, fu ceduta ai nobili patrizi Grimani proprietari delle terre, dei mulini, e di tutto il paese, che nel ‘700 la rimaneggiarono. Fu ampliata con due barchesse, fino a unire il complesso con le cantine, preesistente edificio che tuttora stimola i visitatori. La proprietà passa in seguito a Loredana Gattemburg, figlia di Elisabetta Morosini, e alla sua morte, nel 1884, villa e terreni entrano in possesso del Comune di Martellago, che cede il complesso cinquecentesco a un gruppo di soci benestanti, a destinazione Golf Club. Il Campo nacque negli anni 80 del secolo scorso, il percorso è opera del grande Arnold Palmer da poco scomparso, grande architetto e grande Campione, che ha firmato i più bei Campi da Golf nel mondo. Al limite del parco secolare che racchiude la peschiera, erano le viti a coprire il territorio in cui Palmer, sacrificandole, ebbe la possibilità di disegnare quel tracciato destinato a competizioni di eccellenza, ancor oggi apprezzato. Ospitò, infatti, la Solheim Cup, l’equivalente femminile della Ryder Cup. Ho avuto l’opportunità di parlare con il responsabile dell’associazione Pro Martellago, Mauro Favaron, che si ricorda bene di quando da piccolo mangiava i grappoli d’uva di quei campi. E ancor più, di quando nel 1988 fece da caddie ad una giocatrice francese di cui non ricorda il nome ma ben le fattezze, venuta a giocare la Solheim Cup vinta dall’inglese Laura Davies, che proprio nel 1988, per le sue vittorie nel Golf, fu nominata membro dell'Ordine dell'Impero Britannico (MBE).
A onorare la festa del paese, in contemporanea ha avuto luogo una gara di Golf, a cui ho partecipato anch’io. Una Quattro Palle “Hadriaticum Golf Accademia d’Impresa” che, conforme alle previsioni, ha avuto un po’ di pioggia solo verso la fine, ed è stata accompagnata dalle allegre musiche della piazza.
Premi interessanti, tra cui per alcuni vincitori, (hole in one alla buca 11), belle e meticolose scarpe da Golf “La Belleggia” che, come ho avuto modo di vedere, accuratamente mostratemi dal costruttore marchigiano Enrico Belleggia, hanno inserite al loro interno strutture, da lui studiate, per rendere maggiormente stabili i piedi nello swing.
In vetta alla prima categoria, la coppia Nicoletta Torcellan – Maurizio Busetto con punti 44, in seconda Antonella De Bei - Marco Scaramuzza, anche loro con 44, nel lordo Leonardo e Andrea Longo con 36 punti. Il nearest to the pin è stato appannaggio di Alberto Favero a metri 4,53.
Per tutti, golfisti e cittadini di Martellago, una piacevole giornata.
Paolo Pilla