Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: È GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Concluse le indagini per la tragedia dell'agosto 2014

MOLINETTO DELLA CRODA: CHIESTI 4 RINVII A GIUDIZIO

Sono il presidente edella Pro Loco e tre tecnici


TREVISO - In merito alla tragedia avvenuta il 2 agosto 2014 al Molinetto della Croda a Tarzo, dove a causa di una bomba d'acqua morirono 4 persone, è stato chiesto il rinvio a giudizio per tre tecnici e per il presidente della pro loco di Refrontolo: alla fine delle indagini i i reati contestati sono quelli di concorso in omicidio colposo plurimo e disastro colposo. Il rinvio a giudizio è stato chiesto per il presidente della pro loco Valter Scapol, il geologo Celeste Granziera, il responsabile dello studio Tepco Leopoldo Saccon e per l’architetto capo ufficio del comune Annalisa Romitelli. Archiviata invece la posizione del sindaco Loredana Collodel. I tecnici avevano firmato il Pat in vigore allora, che non indicava nell’area alcun rischio di esondazione.