Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: È GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sindaco e Coa: "Occorre garantire sicurezza e decoro"

SEQUESTRATO IL PRIMO "TRABICCOLO": BLOCCATO IN CENTRO ALLE 3 DI NOTTE

L'Adunata di Treviso mette al bando i veicoli "truccati"


TREVISO - La Polizia locale di Treviso ha sequestrato il primo "trabiccolo". Il mezzo, un'Ape modificata, era privo di assicurazione ed è stato bloccato dagli agenti, in applicazione all'ordinanza che mette al bando questi veicoli, in via Roma, nei pressi di ponte San Martino alle 3.05 di questa mattina.

Comune e Comitato organizzatore dell'Adunata hanno dichiarato guerra ai "trabiccoli", ovvero quei veicoli costruiti o modificati artigianamente, che di solito invadono le città in occasione delle Adunate nazionali. Anziché un aspetto folcloristico, tuttavia, questi mezzi costituiscono ormai un rischio per la sicurezza di chi ci viaggia e per le altre persone e si sono resi protagonisti di incidenti, in alcuni casi anche con gravi conseguenze.
Proprio per evitare questi pericoli, il sindaco Giovanni Manildo nei giorni scorsi ha emanato un'ordinanza che ne vieta la circolazione in tutto il territorio comunale, e in particolare nel centro storico, dalle 13 di giovedì fino alle 24 di domenica, comprendendo sia i mezzi a motore sia quelli spinti a braccia. Per i trasgressori sono previste multe salate. Naturalmente, sono esclusi i veicoli, come jeep di tipo militare, regolarmente immatricolati.
Il provvedimento è stato preso in perfetta sintonia con il Comitato organizzatore dell'Adunata del Piave: “Non dimentichiamo che l’Adunata è un momento forte, intenso in cui noi Alpini ricordiamo i nostri valori, il senso di appartenenza, l’amore per la Patria” dichiara il presidente Luigi Cailotto, convinto che il raduno delle penne nere non possa e non debba essere trasformato in una sorta di October Fest a cui venga messo un posticcio cappello alpino.
Principi a cui si richiama anche il sindaco Giovanni Manildo: “Sono accanto all’Ana nell’obiettivo di assicurare un’adunata divertente ma all’insegna del rispetto dei veri valori alpini. Dobbiamo garantire una festa rispettosa della sicurezza propria, di tutti coloro che parteciperanno e degli altri alpini. E’ questo il senso dell’ordinanza che abbiamo emanato e dell’impegno del Son, Servizio Ordine Nazionale alpino e della Polizia locale nel garantirlo”. “