Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il governatore Zaia : "Non è una marcia indietro"

NIENTE ADDIZIONALE IRPEF SULLA PEDEMONTANA

La tassa era stata annunciata come "misura precauzionale"


VENEZIA - Niente tassa, leggasi addizionale Irpef, per i veneti per il completamento della Pedemontana Veneta. Lo ha promesso il governatore del Veneto Luca Zaia, dopo l’approvazione dello schema di accordo da parte della giunta per il costruzione dell’infrastruttura. Zaia ha precisato che non c’è alcuna marcia indietro da parte della giunta veneta ma fin dal primo momento l’indicazione dell’addizionale era stata presentata come soluzione «precauzionale» mentre si cercavano le soluzioni finanziarie, come lo scorporo del mutuo di 300-milioni in due anni, per arrivare a mettere in atto quella che di fatto era solo un ipotesi «non applicata».