Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: È GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il governatore Zaia : "Non è una marcia indietro"

NIENTE ADDIZIONALE IRPEF SULLA PEDEMONTANA

La tassa era stata annunciata come "misura precauzionale"


VENEZIA - Niente tassa, leggasi addizionale Irpef, per i veneti per il completamento della Pedemontana Veneta. Lo ha promesso il governatore del Veneto Luca Zaia, dopo l’approvazione dello schema di accordo da parte della giunta per il costruzione dell’infrastruttura. Zaia ha precisato che non c’è alcuna marcia indietro da parte della giunta veneta ma fin dal primo momento l’indicazione dell’addizionale era stata presentata come soluzione «precauzionale» mentre si cercavano le soluzioni finanziarie, come lo scorporo del mutuo di 300-milioni in due anni, per arrivare a mettere in atto quella che di fatto era solo un ipotesi «non applicata».