Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL CIELO, IL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il governatore Zaia : "Non è una marcia indietro"

NIENTE ADDIZIONALE IRPEF SULLA PEDEMONTANA

La tassa era stata annunciata come "misura precauzionale"


VENEZIA - Niente tassa, leggasi addizionale Irpef, per i veneti per il completamento della Pedemontana Veneta. Lo ha promesso il governatore del Veneto Luca Zaia, dopo l’approvazione dello schema di accordo da parte della giunta per il costruzione dell’infrastruttura. Zaia ha precisato che non c’è alcuna marcia indietro da parte della giunta veneta ma fin dal primo momento l’indicazione dell’addizionale era stata presentata come soluzione «precauzionale» mentre si cercavano le soluzioni finanziarie, come lo scorporo del mutuo di 300-milioni in due anni, per arrivare a mettere in atto quella che di fatto era solo un ipotesi «non applicata».