Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: È GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Durante la guerra suonava l'allarme per i bombardamenti

NONNA FORTUNATA CENDRON SPEGNE 103 CANDELINE

Martedì grande festa a Casa Marani di Villorba


VILLORBA - Classe 1914, Fortunata Cendron, villorbese doc, neppure ventenne si è sposata con Arturo Girotto di Ponzano Veneto e ha iniziato a lavorare, senza un vero stipendio ma in cambio dell’alloggio, allo stabilimento Del Prà di Treviso. Poi è scoppiata la seconda guerra mondiale e, ricorda la signora Fortunata, era lei l’incaricata a suonare l’allarme di pericolo di bombardamento. Momenti duri che hanno portato lei e la famiglia, con i due figli Sergio e Carletto, a Merlengo, da sfollati. Finita la guerra, con grande sacrificio, i Cendron sono riusciti a coronare il sogno di comprare una casa tutta loro, a Fontane.

Sebbene non avesse pensato di abitarci un giorno, Fortunata ha frequentato Casa Marani da quando è stata aperta, per incontrare la cognata, anche dopo la morte del marito nel 1979, e altri suoi amici. La domenica, con loro partecipava alla messa e si fermava a pranzo, poi nel pomeriggio giocavano a carte. Momenti che ancora oggi Fortunata ricorda esser stati di serenità e allegria. Dal 2014, per sua scelta, a Casa Marani vive anche lei e ogni mercoledì mattina incontra il figlio Sergio che è volontario della struttura e che con Fortunata condivide la passione per il canto.

Nonna Fortunata è in buona compagnia: solo nella sede di Villorba sono altre due le ospiti che hanno già soffiato le candeline per l’ambito traguardo e altri due ultracentenari risiedono nella sede di Paese. Per festeggiare insieme a parenti e amici, Casa Marani ha organizzato una grande festa di compleanno alle 10 di martedì 23 maggio. Dopo il saluto e gli auguri della presidente Daniela Zambon, della direzione e del personale della struttura, assieme a quelli del Comune di Villorba, taglio della torta e brindisi saranno accompagnati dalla fisarmonica di Carlo Toniolo.