Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Martedì l'ultimo appuntamento alla Fondazione Benetton

I COLETTI, DAL CADORE A TREVISO, STORIA DI UNA FAMIGLIA

Viaggio nella memoria attraverso la biblioteca del celebre casato


TREVISO - La storia di una famiglia, dal Cadore alla Marca Trevigiana, e, in essa, la storia del Veneto tra XIX e XX secolo. Martedì 23 maggio alle ore 18, negli spazi Bomben di Treviso, si terrà l’ultimo appuntamento del ciclo "La biblioteca incontra…", iniziativa annuale organizzata dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche per approfondire e valorizzare il suo patrimonio documentario.
Quest’anno il ciclo è stato interamente dedicato all’importante Fondo Coletti: un fondo complesso che comprende la biblioteca e l’archivio della famiglia Coletti – che dall’originario Cadore si insediò nella metà dell’Ottocento a Treviso.
Nell’incontro in programma, "La famiglia Coletti, un trait d’union di lunga durata fra Treviso e Cadore", Bruno De Donà, giornalista e studioso di storia cadorina, ed Emanuele D’Andrea, avvocato, già presidente della Magnifica Comunità di Cadore, metteranno in risalto – a partire dal patrimonio di documenti custodito della Fondazione Benetton – i valori espressi sul piano culturale e civile dall’importante famiglia veneta, tra Ottocento e Novecento, collegando Treviso e il Cadore.
"L’esplorazione dell’archivio - spiega De Donà  - consente di cogliere interessanti analogie tra i vari appartenenti al casato, pur nei diversi e rispettivi percorsi di vita: un principio di aderenza ai valori di rigore verso un impegno civile mirato al concetto di  libertà che, unito al costante impegno imprenditoriale e all’amore per la cultura, costituiranno il carattere distintivo, la peculiarità, cui questa famiglia sarà sempre fedele".
Quello che sarà proposto sarà un viaggio nella memoria che attraversa tre generazioni: il racconto prenderà le mosse dalle tracce lasciate dal cadorino Isidoro Coletti (1771–1808), negoziante di legname, e arriverà fino a Fernando Coletti (1923–1997), docente di Letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università di Venezia, con al centro la figura dominante di Luigi Coletti (1812-1892), patriota risorgimentale e personaggio di rilievo nella Treviso della seconda metà del XIX secolo.
In particolare, Bruno De Donà analizzerà i personaggi di casa Coletti e le vicende che li videro protagonisti in diversi ambiti, in collegamento con il contenuto della biblioteca/archivio di famiglia. Emanuele D’Andrea affronterà il tema della possibile valorizzazione del fondo, attraverso il diretto collegamento con l’archivio della Magnifica Comunità e con quelli di altre istituzioni depositarie della storia cadorina, ipotizzando un concreto canale di comunicazione che consenta la nascita e lo sviluppo di ulteriori progetti di ricerca.