Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/318: SI TORNA A GIOCARE AL CHARLES SCHWAB CHALLENGE

Riparte il Pga Tour con un field da grandi occasioni


FORT WORTH (USA) - Era tempo, i professionisti mordevano il freno! Si gioca al Colonial National Invitation Tournament, che per sponsorizzazione dal 2019 si chiama Charles Schwab Challenge. È un torneo di golf del PGA Tour, che ogni anno, a maggio, ha luogo presso il Colonial Country, a Fort...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/317- CAMPI/27: IL GOLF CLUB ANTOGNOLLA

Nella verde Umbria alcune delle 18 buche più impegnative d'Italia


PERUGIA - Oggetto di piani molto ambiziosi, il Golf umbro Antognolla, con il suo resort, è destinato a diventare una perla del Golf in Italia. Avevo avuto il piacere di visitarlo molto tempo fa, era il 2011, e ancora ricordo la competizione cui ho partecipato in quell’ambiente, che nel...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Martedì l'ultimo appuntamento alla Fondazione Benetton

I COLETTI, DAL CADORE A TREVISO, STORIA DI UNA FAMIGLIA

Viaggio nella memoria attraverso la biblioteca del celebre casato


TREVISO - La storia di una famiglia, dal Cadore alla Marca Trevigiana, e, in essa, la storia del Veneto tra XIX e XX secolo. Martedì 23 maggio alle ore 18, negli spazi Bomben di Treviso, si terrà l’ultimo appuntamento del ciclo "La biblioteca incontra…", iniziativa annuale organizzata dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche per approfondire e valorizzare il suo patrimonio documentario.
Quest’anno il ciclo è stato interamente dedicato all’importante Fondo Coletti: un fondo complesso che comprende la biblioteca e l’archivio della famiglia Coletti – che dall’originario Cadore si insediò nella metà dell’Ottocento a Treviso.
Nell’incontro in programma, "La famiglia Coletti, un trait d’union di lunga durata fra Treviso e Cadore", Bruno De Donà, giornalista e studioso di storia cadorina, ed Emanuele D’Andrea, avvocato, già presidente della Magnifica Comunità di Cadore, metteranno in risalto – a partire dal patrimonio di documenti custodito della Fondazione Benetton – i valori espressi sul piano culturale e civile dall’importante famiglia veneta, tra Ottocento e Novecento, collegando Treviso e il Cadore.
"L’esplorazione dell’archivio - spiega De Donà  - consente di cogliere interessanti analogie tra i vari appartenenti al casato, pur nei diversi e rispettivi percorsi di vita: un principio di aderenza ai valori di rigore verso un impegno civile mirato al concetto di  libertà che, unito al costante impegno imprenditoriale e all’amore per la cultura, costituiranno il carattere distintivo, la peculiarità, cui questa famiglia sarà sempre fedele".
Quello che sarà proposto sarà un viaggio nella memoria che attraversa tre generazioni: il racconto prenderà le mosse dalle tracce lasciate dal cadorino Isidoro Coletti (1771–1808), negoziante di legname, e arriverà fino a Fernando Coletti (1923–1997), docente di Letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università di Venezia, con al centro la figura dominante di Luigi Coletti (1812-1892), patriota risorgimentale e personaggio di rilievo nella Treviso della seconda metà del XIX secolo.
In particolare, Bruno De Donà analizzerà i personaggi di casa Coletti e le vicende che li videro protagonisti in diversi ambiti, in collegamento con il contenuto della biblioteca/archivio di famiglia. Emanuele D’Andrea affronterà il tema della possibile valorizzazione del fondo, attraverso il diretto collegamento con l’archivio della Magnifica Comunità e con quelli di altre istituzioni depositarie della storia cadorina, ipotizzando un concreto canale di comunicazione che consenta la nascita e lo sviluppo di ulteriori progetti di ricerca.