Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/175: PARLA INGLESE L'OPEN DE FRANCE

Tommy Fleetwood vince l'evento Rolex Series di Parigi


PARIGI - È partito il giorno 29 giugno a Guyancourt, al golf National nei pressi di Parigi, il maggior incontro della stagione golfistica 2017, l’evento Rolex Series del Tour europeo “Race to Dubai”, l’HNA Open de France. È una tappa importante del circuito...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un fiume di donne ha attraversato il centro del capoluogo della Marca

TREVISO IN ROSA: STRAORDINARIO SUCCESSO

La più anziana, Anna, aveva 93 anni


TREVISO - Dodicimila pennellate di rosa. C’era nonna Anna, 93 anni portati splendidamente. E c’era Alessandro, 5 mesi, arrivato nel marsupio con mamma Veronica, uno dei pochissimi maschi nella marea rosa. C’era chi l’ha presa (moderatamente) sul serio come la diciottenne Nikol Marsura, promessa del mezzofondo trevigiano, che ne ha approfittato per svolgere un allenamento. E c’era chi si è goduta la città, magari non disdegnando una sosta al bar. C’era Chiara Daneluzzi, 44enne di San Biagio di Callalta, che ha impiegato una quarantina di minuti per completare i 9 chilometri del percorso lungo. E c’era il sorriso di Valentina, che sul traguardo ha trovato ad attenderla il fidanzato Riccardo Pittis, monumento del basket azzurro.  
 Treviso in rosa è stato tutto questo, e molto altro ancora. La gioia, il divertimento, l’amicizia che ha accomunato 11.691 donne. Una partecipazione da record, che fa di Treviso in rosa una delle corse al femminile più partecipate d’Italia, oltre che un evento senza precedenti nel panorama podistico trevigiano. Per la terza edizione della manifestazione organizzata dalle società Trevisatletica e Corritreviso è stata una domenica di entusiasmo straripante. Partenza alle 9.30 in punto, in viale Bartolomeo d’Alviano, ai piedi delle mura, e poi via lungo strade e piazze del centro storico. Il serpentone di podiste e camminatrici ha impiegato circa 25 minuti per oltrepassare la linea di partenza. Il colpo d’occhio, dall’alto delle mura, ha lasciato a bocca aperta.     
Gruppo più numeroso, la sezione di Lilt di Treviso, con ben 678 partecipanti. A seguire, il Gruppo Tomasoni (166 partecipanti), la palestra To Be Gym (164), la palestra Sport Team (163 partecipanti) e il Gruppo Allegria di Maserada (136).
Festa doppia per la Lilt, la Lega per la lotta contro i tumori - guidata dal presidente Alessandro Gava e dalla vicepresidente Nelly Mantovani - che anche quest’anno ha patrocinato Treviso in rosa, mettendo a disposizione materiale divulgativo su corretti stili di vita, sana alimentazione ed educazione alla prevenzione. Treviso in rosa contribuirà al completamento di un ambulatorio al femminile, che sorgerà presso la nuova sede dell’associazione.    
Se molte donne hanno corso e ancora di più hanno camminato, dividendosi equamente tra i due percorsi di 5 e 9 chilometri, c’è stata persino chi è andata sui pattini a rotelle: la sfilata delle quasi dodicimila podiste è stato infatti aperta dal gruppo di pattinaggio amatoriale dello Sporting Treviso, scattato pochi secondi prima delle podiste.
L’entusiasmo delle quasi 12 mila donne, applaudito anche dall’assessore del Comune di Treviso, Ofelio Michielan, ha contagiato gli stessi organizzatori di Treviso in rosa che ora, dopo aver quasi triplicato la partecipazione rispetto al 2016, pensano ancora più grande: 11.691 partecipanti non rappresentano un punto d’arrivo, ma di partenza.