Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nostra intervista all'autore, mercoledì presentazione alle Stefanini

DUE SECOLI DI STORIA DEL GIORNALISMO E DEI GIORNALISTI TREVIGIANI

Seconda edizione del volume curato da Sante Rossetto


TREVISO - Appuntamento con la storia del giornalismo trevigiano, mercoledì 24 alle 20.45 nell’auditorium della media Stefanini, nell’ambito degli incontri organizzati dalla Società iconografica trevigiana. Relatore della serata lo storico Sante Rossetto che presenterà il suo libro, ora in seconda edizione, “Giornali e giornalisti trevigiani. Dal 1807 ai giorni nostri”, edito da Canova. Lungo le 350 pagine dell’ampio studio l’autore analizza tutti gli aspetti dell’informazione nella Marca, iniziando dal “Monitor di Treviso”, prima espressione di quotidiano offerta dal governo napoleonico. Tuttavia la ricerca non si limita ai quotidiani, che pur occupano una parte cospicua del volume, ma si occupa della stampa politica, di quella cattolica, medica, culturale, agricola (per una provincia come la nostra ha avuto un ruolo di primo piano) per finire con la satira e le pubblicazioni sportive. La seconda parte dello studio è dedicata alle biografie dei più importanti giornalisti della Marca. Due indici chiudono questo importante lavoro, uno dedicato alle testate (sono circa novecento quelle esaminate dallo storico trevigiano) e dei nomi (circa un migliaio); indici che costituiscono un indispensabile strumento di consultazione non solo per la storia del giornalismo, ma per l’intera storia trevigiana.