Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Zaia: "Siamo in guerra, occorrono risposte adeguate"

BANDIERE A MEZZ'ASTA PER LA STRAGE DI MANCHESTER

Comune di Treviso e Regione aderiscono al gesto di solidarietą


TREVISO - Bandiere italiana ed europea a mezz'asta in Comune a Treviso. Il sindaco di Treviso, dando seguito all'invito del Consiglio dei Ministri, si unisce al cordoglio di enti e istituzioni in seguito ai fatti accaduti a Manchester. "Non dobbiamo cedere alla cultura dell'odio e alla paura - dichiara il sindaco - la nostra città esprime la sua vicinanza a tutti i familiari delle vittime tra le quali sono tristemente presenti ragazzi e bambini. Davanti a fatti come questi l'orrore non si spiega, ma è importante reagire in maniera corale".


LO SDEGNO DI ZAIA

“Il Bataclan che si portò via anche la nostra Valeria Solesin, il boulevard di Nizza, i mercatini di Berlino e molte altre croci ancora…siamo in guerra, di nuovo, anzi non ne siamo mai usciti. Una guerra non convenzionale condotta da individui vili e senza dignità che colpiscono persone inermi e ragazzini in un momento di serenità provocando quella che sarà ricordata come la strage dei bambini. Bisogna rispondere con forza e orgoglio, con leggi speciali, con controlli impietosi fin dalle frontiere e in tutta quell’area grigia al confine tra la legalità e l’illegalità dove si nascondono e operano i fiancheggiatori di questi assassini, infiltratisi grazie all’errore storico dell’ospitalità indiscriminata”. Con queste parole, il Presidente del Veneto, che ha disposto l’esposizione delle bandiere a mezz’asta in tutte le sedi della Regione, commenta la strage di Manchester.
“Basta buonismi, basta se e ma, basta sottili distinguo – aggiunge il governatore – perché il nemico, purtroppo non si può che chiamarlo così, non ne fa: colpisce nel mucchio, quasi come se il suo criterio informatore fosse solo l’odio, il gusto barbaro di seminare sofferenza e dolore”.

“Non bisogna cadere nell’errore della generalizzazione – prosegue il presidente del Veneto – perché se non è vero che tutti gli islamici sono terroristi, è anche vero che tutti gli atti terroristici sono di matrice islamica”.  “In queste ore di dolore – conclude il governatore – mi dispiace di aver dovuto sentire anche dichiarazioni nelle quali si evidenziava che l’Italia è ancora immune da queste tragedie. Nulla di più sbagliato, perché la sofferenza non ha confini: è di tutti noi, anche di chi ha avuto la fortuna di non sentirla sulla propria pelle”.