Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/252: ISPS HANDA VIC OPER, IL PRINCIPALE TORNEO D'AUSTRALIA

Lo scozzese Law e la francese Boutier beffano i favoriti di casa


GEELONG (AUSTRALIA) - È questo il principale avvenimento golfistico in Australia, in cui, a partecipare sullo stesso campo, il “13th Beach Golf Club”, sono 156 uomini e altrettante donne, seppure, queste ultime con distanze di poco ridotte. Sono 6.214 metri per i maschi, e 6mila...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/251: LE STELLE DELL'EUROPEAN TOUR PER LA PRIMA VOLTA IN ARABIA

Dopo le polemiche sui diritti umani, Dustin Johnson vince il Saudi International


GEDDA - Una sfida ad altissimo livello, con quattro dei primi cinque giocatori della classifica mondiale: l’inglese Justin Rose, numero uno vincitore la scorsa settimana del Farmers Open, gli statunitensi Brooks Koepka numero due, Dustin Johnson, numero tre, e Bryson DeChambeau numero cinque,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/250: DECHAMBEAU RE DEL DESERT CLASSIC

Matteo Manassero invitato al Saudi International


DUBAI - Compiuto l’Abu Dhabi Championship la scorsa settimana, l’European Tour rimane negli Emirati Arabi Uniti. Si disputa ora il Dubai Desert Classic, sul percorso par settantadue dell’Emirates Golf Club. Alla celebrazione dei trent’anni, partecipano Edoardo Molinari,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Zaia: "Siamo in guerra, occorrono risposte adeguate"

BANDIERE A MEZZ'ASTA PER LA STRAGE DI MANCHESTER

Comune di Treviso e Regione aderiscono al gesto di solidarietà


TREVISO - Bandiere italiana ed europea a mezz'asta in Comune a Treviso. Il sindaco di Treviso, dando seguito all'invito del Consiglio dei Ministri, si unisce al cordoglio di enti e istituzioni in seguito ai fatti accaduti a Manchester. "Non dobbiamo cedere alla cultura dell'odio e alla paura - dichiara il sindaco - la nostra città esprime la sua vicinanza a tutti i familiari delle vittime tra le quali sono tristemente presenti ragazzi e bambini. Davanti a fatti come questi l'orrore non si spiega, ma è importante reagire in maniera corale".


LO SDEGNO DI ZAIA

“Il Bataclan che si portò via anche la nostra Valeria Solesin, il boulevard di Nizza, i mercatini di Berlino e molte altre croci ancora…siamo in guerra, di nuovo, anzi non ne siamo mai usciti. Una guerra non convenzionale condotta da individui vili e senza dignità che colpiscono persone inermi e ragazzini in un momento di serenità provocando quella che sarà ricordata come la strage dei bambini. Bisogna rispondere con forza e orgoglio, con leggi speciali, con controlli impietosi fin dalle frontiere e in tutta quell’area grigia al confine tra la legalità e l’illegalità dove si nascondono e operano i fiancheggiatori di questi assassini, infiltratisi grazie all’errore storico dell’ospitalità indiscriminata”. Con queste parole, il Presidente del Veneto, che ha disposto l’esposizione delle bandiere a mezz’asta in tutte le sedi della Regione, commenta la strage di Manchester.
“Basta buonismi, basta se e ma, basta sottili distinguo – aggiunge il governatore – perché il nemico, purtroppo non si può che chiamarlo così, non ne fa: colpisce nel mucchio, quasi come se il suo criterio informatore fosse solo l’odio, il gusto barbaro di seminare sofferenza e dolore”.

“Non bisogna cadere nell’errore della generalizzazione – prosegue il presidente del Veneto – perché se non è vero che tutti gli islamici sono terroristi, è anche vero che tutti gli atti terroristici sono di matrice islamica”.  “In queste ore di dolore – conclude il governatore – mi dispiace di aver dovuto sentire anche dichiarazioni nelle quali si evidenziava che l’Italia è ancora immune da queste tragedie. Nulla di più sbagliato, perché la sofferenza non ha confini: è di tutti noi, anche di chi ha avuto la fortuna di non sentirla sulla propria pelle”.