Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vertice a Roma con Padoan, si materializza lo spettro bail-in

BANCHE VENETE, L'EUROPA BOCCIA IL PIANO DI SALVATAGGIO

L'antitrust europeo chiede un ulteriore miliardo dai privati


BRUXELLES - Fumata nera dall'Europa per le banche venete ed ora il salvataggio di Veneto Banca e Popolare di Vicenza si fa ancora più complicato. La riunione di mercoledì sera a Bruxelles tra i vertici dei due istituti (gli amministratori delegati Fabrizio Viola per il gruppo vicentino e Cristiano Carrus per quello montebellunese) e i funzionari della Direzione generale Concorrenza della Commissione europea si è conclusa con una sostanziale chiusura: l'Antitrust europeo insiste nell'esigere un ulteriore miliardo di capitale privato per dare il via libera al piano di ricapitalizzazione precauzionale - cioè con l'utilzzo di fondi pubblici - delle due ex popolari.
Giovedì è stato convocato a Roma un summit con il ministro dell'Economia, Piercarlo Padoan, e i presidenti Gianni Mion, di BpVi, e Massimo Lanza, di Veneto Banca, per valutare la situazione e approntare un possibile piano B. Lo spettro del bail-in, tuttavia, si fa sempre più concreto, almeno per una delle due banche: a pagare, in questo caso, sarebbero azionisti, obbligazionisti e correntisti con oltre centomila euro in conto.