Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Violento rogo scoppiato in un capannone nel Veneziano

INCENDIO A FUSINA, NESSUN PERICOLO PER TREVISO

L'Arpav dice che l'aria non è in pericolo


VENEZIA - Nessun pericolo di inquinamento per Treviso a causa del violento incendio scoppiato stamattina in un capannone a Fusina, nel veneziano, che tratta rifiuti ingombranti nello stabilimento Eco-Ricicli Veritas. A parte gli interventi degli specialisti e dei Vigili del fuoco, sono state effettuate delle analisi da parte dell'Arpav, che ha attivato il Sistema integrato per il monitoraggio ambientale e la gestione delle emergenze. Il fuoco ha provocato una imponente colonna di fumo nero, visibile da distante, ma gli accertamenti hanno stabilito che non esiste alcun pericolo per la popolazione in loco e tantomeno a distanza.