Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Bortolanza: "progetto in crescita; per i prossimi anni nuove opportunitÓ culturali

TREVISO SUONA JAZZ, SUCCESSO E SOLD OUT

Richieste di contatti per pubblico anche da fuori regione


TREVISO - Grande successo per la terza edizione di Treviso Suona Jazz, il jazz Festival della città ideato e curato dall’Associazione Urbano Contemporaneo, che per 7 giorni ha coinvolto i luoghi di interesse storico ed artistico del centro storico, con workshop e concerti da tutto esaurito.

La manifestazione, che è diventata un appuntamento fisso per la città, e che veniva già dall’ottima edizione dello scorso anno, ha registrato sold-out consecutivi da inizio a fine programma coinvolgendo nomi prestigiosi del panorama jazz nazionale e internazionale, che per la prima volta sono finalmente arrivati ad esibirsi in città.

Ma non c’è stato solo questo, è da sottolineare la volontà di fare rete con le realtà del territorio. “il consolidamento dei rapporti con due importanti Conservatori italiani come lo Steffani e il Venezze, e la realizzazione di workshop presso l’Associazione Manzato, dichiara il direttore artistico Nicola Bortolanza, sono aspetti di fondamentale importanza che dimostrano la crescita di un progetto che per i prossimi anni vorrà offrire alla cittadinanza ancora nuove opportunità culturali e di aggregazione sociale”.


Il festival ha saputo attirare un vasto pubblico proveniente anche da fuori Regione, turisti ed appassionati hanno soggiornato in città nel corso del week end. Merito di una programmazione di qualità ma anche della particolare formula ideata e collaudata, con un percorso di eventi tra i Palazzi e i luoghi di particolare interesse artistico e architettonico della città; un connubio perfetto tra musica ed architettura, tema caro ad Urbano Contemporaneo, che ha saputo attirare l’interesse turistico.

Finalmente si è portato il jazz di qualità in città, mi permetto di dirlo perché purtroppo a volte c’è una gran confusione attorno a questa parola, inoltre si è creato valido un gruppo che lavora in armonia e lungimiranza. Ringrazio personalmente il Comune di Treviso, in particolar modo il Sindaco Manildo e l’Assessore Franchin, per il sostegno avuto in questi anni, mi auguro che tale supporto possa ulteriormente crescere per la prossima edizione perché ci sono tutte le carte in regola affinchè questo diventi uno dei Festival più importanti del nord Italia” dichiara Nicola Bortolanza.