Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sabato alle 21 a Treviso il terzo appuntamento della rassegna di Sol.Co

ROBE DA MATI, ARTUSO E CIRRI SUL PALCO DI PIAZZA RINALDI

In scena "La volta che ho pensato di diventare matto"


TREVISO - Dopo il dialogo tra Natalino Balasso e Giuliano Scabia sul “viaggio di Marco Cavallo” e l’esilarante spettacolo di musica e cabaret di Banda Osiris (tutto esaurito all’auditorium Sant’Artemio) Sabato 10 Giugno arriva la terza serata di “Robe da Mati” la rassegna culturale nata per celebrare i 25 anni della Cooperativa Sol.Co. di Treviso accendendo i riflettori e portando in piazza il confronto sulla malattia mentale.
Protagonisti sabato sera, in Piazza Rinaldi a partire dalle 21, saranno Massimo Cirri, nota voce del programma di Rai Radio2 Caterpillar, e Mirko Artuso, attore e direttore artistico del Teatro del Pane, con lo spettacolo “La volta che ho pensato di diventare matto”.
"Dentro ognuno di noi, pensavo, c'è una superficie indivisibile che nessun altro essere umano può esplorare, un territorio ostile e inospitale, una terra che a volte anche noi tralasciamo di visitare".
Da queste parole scritte da Vitaliano Trevisan nel suo “Quindicimila passi” e dal racconto “Quella volta che ho pensato di diventare matto” scritto da Massimo Cirri nasce l'omonimo spettacolo/reading ideato da Mirko Artuso (che ne cura anche la regia) e musicato da Sergio Marchesini e Giorgio Gobbo.
Una reading informale e non retorico sulla follia della ‘normalità’ paradossale e amara che tutti viviamo e mettiamo in atto ogni giorno, nel quotidiano, lo spettacolo sarà anche un discorso sugli antidoti che si devono inventare per tenerle testa.
Riflessioni, musica, monologhi, letture, ma anche testimonianze che arrivano dai racconti scritti da molti cittadini che hanno testimoniato la loro esperienza con la follia, arrivati alla cooperativa e agli autori della serata, attraverso l’invito a raccontare la volta che hanno pensato di impazzire.
Artuso e Cirri racconteranno di quella volta in cui hanno pensato di diventare matti perchè, dicono, almeno una volta nella vita capita a tutti di pensarlo.
Ad aiutarli ci saranno le parole di autori illustri come Vitaliano Trevisan, Luigi Meneghello, Wisława Szymborska, Hermana Águila, oltre agli stessi Artuso e Cirri.
La serata vedrà l’accompagnamento musicale di Sergio Marchesini e Giorgio Gobbo. 

Galleria fotograficaGalleria fotografica