Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Lettera al premier Gentiloni insieme al collega di Vicenza

"FORZARE" L'EUROPA SUL SALVATAGGIO DELLE BANCHE VENETE

La richiesta del sindaco di Treviso Giovanni Manildo al governo


TREVISO - Il bail-in delle banche venete sarebbe "un dramma" non solo per risparmiatori e dipendenti del Veneto, ma "per tutta l'economia nazionale". Per questo il sindaco di Treviso Giovanni Manildo, insieme al collega di Vicenza, Achille Variati, ha scritto una lettera al presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, per sollecitare una rinnovata pressione del governo nei confronti dell'Europa, perchè dia il via libera al salvataggio.
"Abbiamo voluto far sentire la voce dei due Comuni capoluogo - sottolinea il primo cittadino trevigiano -, mandare il segnale che è fondamentale salvare queste due banche e che il tempo sta per scadere e avere la conferma che il governo non abbandona Veneto Banca e BpV. Il Veneto è stato per tanti anni la locomotiva del Nordest, il salvataggio è condizione essenziale per continuare ad esserlo”.
Manildo e Variati hanno chiesto al governo di "forzare" verso l'Unione europea
“Abbiamo chiesto di far sentire chiara la vicinanza alle banche e al Veneto. Forzando anche sugli equilibri economico finanziari necessari al salvataggio, ad esempio con una ridefinizione delle somme necessaria. Se  lo Stato si presenta all’Unione europea, con a fianco la Regione e tutto il territorio, ci possono essere le condizioni per trovare nuovi investitori per le banche. Il presidente Gentiloni può agire da pivot istituzionale”. Ma il leader di Ca' Sugana ribadisce anche la necessità che in questa azione l'esecutivo statale sia affiancato dalla Regione, da tutte le istituzioni del territorio e, pure, dall'imprenditoria privata, per offrire una rappresentazione unitaria del Veneto, "ciò che è mancato negli ultimi venti anni".