Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nei reparti gli addetti indosseranno una speciale pettorina

"NON DISTURBARE" GLI INFERMIERI, PER NON SBAGLIARE FARMACI

Progetto negli ospedali di Conegliano e Vittorio per la sicurezza delle somministrazioni


CONEGLIANO/VITTORIO VENETO - Infermieri con la pettorina “Non disturbare” per ridurre il rischio nella somministrazione dei farmaci. Prenderà il via il 19 giugno in tutti i reparti degli ospedali di Conegliano e Vittorio Veneto il progetto “Cure Sicure”, volto a ridurre il rischio di errore nella somministrazione dei farmaci in corsia.
“In una corsia d’ospedale – spiega il direttore generale dell'Ulss 2, Francesco Benazzi - sono presenti molti tipi di interruzioni, come gli allarmi dei monitor, le richieste da parte di altri professionisti o di pazienti e familiari,. Quando accadono questi eventi, gli infermieri sono più portati a commettere errori: l’attività più a rischio, sulla base degli studi internazionali, è la somministrazione delle terapie. Di qui la decisione di partire con questo progetto, volto a ridurre al minimo le interruzioni nei confronti dell’infermiere impegnato nella distribuzione dei farmaci”.
Al fine di essere facilmente riconoscibili, dai pazienti così come dai familiari, gli infermieri che distribuiscono i farmaci indosseranno, in tutti i reparti, una pettorina grigia con la scritta: “Terapia in corso non disturbare”.
“L’invito rivolto a tutti – sottolinea Benazzi – è quello di non interrompere l’infermiere impegnato in questa delicata attività, che richiede attenzione e concentrazione”.
Le interruzioni dell'attività dell'infermiere mentre somministra la terapia causano, secondo un recente studio della Società Italiana di Infermieristica Pediatrica (SISIP), un aumento del 12% degli errori nella fase di preparazione e somministrazione della terapia (sbagliare e confondere un farmaco, un dosaggio, un malato, una via di erogazione..).
“La scritta "Non disturbare" - precisa il direttore Generale - non si riferisce, ovviamente, alle domande che i pazienti possono fare agli infermieri riguardo la loro cura o terapia, ma a tutte le altre interruzioni che avvengono durante il giro di terapia”.