Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tracing Identity il progetto tutto al femminile firmato da sette designer

SALONE DEL MOBILE, A OFFICINE DE CASTELLI IL PREMIO SPECIALE INTESA SANPAOLO

In special edition arredi per l'interior tutti con una precisa funzionalità


MILANO - «Un progetto corale capace di esaltare le qualità produttive dell’azienda attraverso le declinazioni di progettiste che interpretano la materia prima secondo la loro personale visione d’autore», quasta la motivazione che ha portato la giuria del Salone del Mobile ad assegnare all'azienda trevigiana De Castelli il premio speciale Banca Intesa Sanpaolo per il progetto Tracing Identity.

La cerimonia che si è tenuta alla Triennale di Milano lo scorso 9 giugno ha premiato un progetto tutto al femminile: sette le designer coinvolte che hanno realizzato una collezione in metallo dal deciso protagonismo espressivo: Alessandra Baldereschi, Nathalie Dewez, Constance Guisset, Francesca Lanzavecchia, Donata Paruccini, Elena Salmistraro, Nika Zupanc hanno valorizzato le potenzialità dei metalli e delle finiture De Castelli con progetti dal contenuto emozionale, empatico, narrativo.

De Castelli ha così realizzato una special edition di arredi per l'interior in cui le opere hanno tutte una precisa funzionalità: paraventi, cabinet, tavoli e librerie declinano le tecnologie più innovative e le competenze di alto artigianato caratteristiche dell’azienda, e sono diventati l’occasione per sperimentare altre lavorazioni e superfici.

Le designer hanno risposto con entusiasmo all’opportunità di lavorare nelle Officine De Castelli, a stretto contatto con le tecnologie più innovative e con i bravissimi operai.

Tracing Identity, oltre agli arredi realizzati in edizione limitata di 100 pezzi, ha un proprio video racconto e una pubblicazione di taglio critico: un progetto articolato che diventerà lo spunto per un dibattito aperto, già programmato il 27 giugno in Triennale, che prevede la partecipazione delle protagoniste, raccoglie il contributo di alcune esperte del design e coinvolgerà la design community.

 

Giunto alla seconda edizione, il "Salone del Mobile.Milano Award 2017" riconosce il valore delle aziende, i designer, dei prodotti e degli allestimenti che hanno contribuito a rendere il Salone l'evento più prestigioso nell'ambito del design, con un richiamo mondiale e la capacità di raccontare le tendenze progettuali più avanzate.

Albino Celato, amministratore e anima dell'azienda, considera questo premio come un riconoscimento al progetto di impresa De Castelli, che «si è evoluta da buona azienda manifatturiera che realizza idee diventando ispiratore di suggestioni e sperimentazioni inedite, promuovendo progetti in cui il metallo è protagonista».