Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Weekend al parco di Villa De Reali a Dosson per la Giornata Mondiale del Gioco di Ruolo

GIOCO DI RUOLO, TRA MONDI PARALLELI, NARRAZIONE E DIDATTICA

All'Yggdrasil Festival incontri pensati dal Coordinamento LGBTE


TREVISO - Un finesettimana denso di incontri, quello organizzato dal Coordinamento LGBTE di Treviso in collaborazione con l'Yggdrasil Fantasy and Medieval Festival per sabato 17 e domenica 18 giugno (Giornata Mondiale del Gioco di Ruolo Libero) presso il suggestivo parco di Villa De Reali a Dosson di Casier.

Sabato si parlerà di Gioco di Ruolo narrativo ed esplorazione dell'identità sessuale con Eleonora Pecchioli, fondatrice del forum di GDR Secret Whispers e Michele Gelli della Casa Editrice Narrattiva, e si conoscerà il GdR Stonewall 1969 con il suo creatore, Stefano Burchi. Domenica, invece, focus sul valore terapeutico e didattico del Gioco di Ruolo, se ne discuterà con la Alberta Xodo, psicologa e psicoterapeuta, e con il Matteo Cesco-Frare, insegnante della scuola primaria.

Durante entrambe le giornate sarà possibile giocare e assistere a dimostrazioni gratuite di diversi GdR: Dungeons & Dragons, Pathfinder, Il Richiamo di Cthulhu, Mutant Chronicles solo per citarne alcuni.

I giochi di ruolo, interesse di nicchia e in passato oggetto di polemiche nate anche dalla scarsa informazione in merito, incontrano oggi un più ampio consenso e si rivelano anche preziosi strumenti didattici e terapeutici. “Non è solo un gioco”, il titolo scelto per i due giorni di incontri, sottolinea proprio questo: giocando e confrontandosi con gli altri giocatori, l'individuo può trovarsi a riflettere sulle tematiche più varie; riversando la propria immaginazione all'interno di un gioco di ruolo, che sia narrativo, da tavolo o su schermo, può scoprire la propria interiorità e imparare a conoscersi, anche nel rapporto con l'altro. Secondo attuali studi affrontando nel gioco dilemmi etici e sfide che richiedono la collaborazione con gli altri partecipanti, si sviluppano capacità critiche e relazionali che possono aiutare ad affrontare le difficoltà della vita reale. E questo vale per gli adulti come per i bambini: per dirlo con le parole di George Bernard Shaw, “la gente non smette di giocare perché diventa vecchia; diventa vecchia perché smette di giocare”.

Gli scopi primari del Coordinamento LGBTE di Treviso sono aprire la città alle tematiche LGBT e promuovere un dialogo vivo e partecipato con le Istituzioni locali e con la rete delle Associazioni del territorio. Attraverso le attività di informazione, di prevenzione, di tutela dei diritti e operando per la crescita delle comunità LGBT e per la nascita e diffusione di forme aggregative e di associazioni che agiscono a livello regionale, provinciale e cittadino, il Coordinamento vuole affermare principi e relazioni di solidarietà, favorire la visibilità e la piena partecipazione alla vita sociale e civile delle persone lesbiche, gay, bisessuali e trans, proporre politiche culturali, sociali e dibattito intorno alle tematiche dell’omosessualità e della transessualità.