Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ala piccola di 1.93, ex di Pesaro, arriva da Ferentino

PRIMO ACQUISTO PER TVB: ╚ BERNARDO MUSSO, ORIUNDO ARGENTINO

Campionato finito con 13.8 punti con il 46% da tre


TREVISO - Primo arrivo di prestigio in casa De' Longhi Treviso Basket, che ha raggiunto oggi la sottoscrizione dell'accordo con Bernardo Musso, "bomber" italoargentino lo scorso anno in A2 (Ovest) a Ferentino e in precedenza due anni in Serie A con Pesaro di cui è stato anche capitano.
Musso è un'ala piccola (193 cm), 31 anni (nato a Pergamino-Argentina il 17 aprile 1986), dotata di tiro, intraprendeza, energia e buone doti atletiche, con grande esperienza in Italia dove è arrivato 17enne con il fratello Victorio nel 2003. Da lì curiosamente ha giocato in tutti i primi 6 livelli della pallacanestro italiana (dalla Serie C regionale sino alla Serie A nazionale).
La scorsa stagione a Ferentino nel Girone Ovest della A2 ha viaggiato a 13.8 punti di media con un ottimo 46% da tre punti (terzo assoluto nella speciale classifica), 44% da due, 3 assist e 3.5 rimbalzi a gara.
Nelle stagioni precedenti Musso è stato in Argentina al San Lorenzo, vincendo il titolo del campionato nazionale per la prima volta nella storia del club, e per due stagioni in Serie A con la Vuelle Pesaro, di cui nel 2014/15 è stato anche il Capitano, viaggiando sempre vicino alla doppia cifra media.
Appassionato di musica, specialmente rock e musica argentina, si diletta nel suonare la chitarra, sua grande passione,
LA CARRIERA
E' arrivato in Italia nel 2003 a 17 anni con il fratello Victorio e ha disputato il campionato Serie C regionale in Sicilia con la Pallacanestro Licata...Poi, sempre col fratello, è passato in Sardegna alla Mercede Basket Alghero dove ha vinto il campionato Serie C regionale 2004-05 ed ha militato poi anche in Serie C1 Nazionale (attuale Serie C Dilettanti) la stagione seguente...Nella prima parte della stagione 2006-07 ha militato nel Santa Croce Olbia...Si è poi trasferito nelle Marche al Basket Fossombrone per restarci fino al 2008...Con la squadra marchigiana nel 2006-2007 ha vinto il campionato Serie B2 Nazionale e nel 2007-2008 ha raggiunto i playoff in Serie B Dilettanti...Nella stagione 2008-09 è a Udine e fa la sua prima esperienza in Serie A (3.1 ppg in 9 minuti di media)...Nella stagione 2009-10 ha militato nel Basket Brescia Leonessa (A2)...Dall'estate del 2010 è a Perugia Basket poi nel luglio del 2011 passa a Napoli...Nell'agosto 2012 si trasferisce alla Fulgor Libertas Forlì in Legadue...Nel 2013 firma per la Vuelle Pesaro in A, dove resta due stagioni confermandosi giocatore di grande carattere e grinta, sempre vicino alla doppia cifra di media (queste le statistiche: nel 2013/14 23 minuti, 8.9 punti a gara con il 52% da due e 34.4% da tre; nel 2014/15 27 minuti, 9.9 punti a gara con il 50% da due e 32% da tre), prima di tornare nella sua Argentina, dove è tra i grandi protagonisti della vittoria del primo titolo nazionale della storia del San Lorenzo (la squadra per cui tifa Papa Francesco), con 6 punti di media nella stagione, ma oltre 13 nella serie di Finale play off. L'anno scorso il ritorno in Italia in A2 a Ferentino (13.8 ppg).