Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Venerdì 21 e sabato 22 luglio in Villa Torni spettacoli, incontri, proiezioni, mostre

SANI DA LEGARE, DUE GIORNI DI EVENTI A MOGLIANO

Follia creativa all’Istituto Costante Gris dedicati a Franca Rame e Dario Fo


MOGLIANO VENETO - Due-giorni di spettacoli, incontri, proiezioni, mostre, sberleffi e sghignazzi nel segno dell’ironia e della “follia creativa” dedicata a Dario Fo e a Franca Rame.
Ecco il festival SANI DA LEGARE che venerdì 21 e sabato 22 luglio, in Villa Torni negli spazi dell’Istituto Costante Gris a Mogliano Veneto, attraverserà varie forme d'arte in sentieri sconosciuti del travestimento, della maschera, della commedia.


Il Premio Nobel Dario Fo era stato ospite nel trevigiano lo scorso luglio per valorizzare i giovani artisti del territorio e seguire il loro percorso, aprendo una collaborazione soprattutto con le scuole. Ora l’associazione ABC Onlus – in collaborazione con il CTFR (Compagnia Teatrale Fo-Rame) e con lo stesso istituto Gris, con il patrocinio del Comune di Mogliano e della Provincia di Treviso/Reteventi – propone questo omaggio che vedrà tra i protagonisti Jacopo Fo, Mario Pirovano, Ugo Dighero, Beppe Mora e il Circo Patuf, in scena con anteprime nazionali ed eventi speciali creati per la rassegna.


Significativa la scelta de luogo: l’Istituo Gris, nato per accogliere bisognosi, alienati, malati, con il suo parco centenario e la sua villa ha un posto preciso nel cuore dei moglianesi, adatto ad una rassegna teatrale denominata SANI DA LEGARE.

Il progetto segue un filo rosso di sana pazzia assolutamente indispensabile perché la nostra paura e rabbia diventino rivoluzione e cambiamento collettivo – spiega la coordinatrice del festival Marina Salvato -. Gli spettacoli avverranno in un tendone da circo, simbolo di estrema leggerezza: offriamo al pubblico un posto in cui abitare gli spazi dell’ironia per un convivium piacevole e culturalmente stimolante”.

Un’utopia come SANI DA LEGARE è stata possibile grazie al supporto dei partner tecnici: Assicurazioni Generali, Feltrinelli, Fallani Group, Serigrafie Fallani, Cantine Pizzolato e Principe ristorazione.

 

IL PROGRAMMA

La prima giornata, venerdì 21 luglio, è intitolata “IL TRAVESTIMENTO E IL TRAVISAMENTO. Mascherare i personaggi e mascherare gli eventi”. Propone una lezione di teatro (mattino e pomeriggio per max 30 attori) con Jacopo Fo e Mario Pirovano, poi in serata un contributo visivo realizzato nel parco di Villa Torni dal Museo Internazionale della maschera Amleto e Donato Sartori di AbanoTerme; una proiezione continuativa del documentario HUMAN, regia Yann Arthus-Bertrand e colonna sonora di Armand Amar, sulla comunità di oggi ma soprattutto sull'individuo attraverso guerre, disuguaglianze, discriminazioni; una mostra fotografica de La Filanda fotoclub di Mogliano dedicata al tema MUSICA.

Dalle 18.30 il porticato e parco di Villa Torni ospitano un incontro con Beppe Mora e Jacopo Fo che raccontano l’esperienza della satira DA IL MALE A IL FATTO QUOTIDIANO e poi una cena accompagnata dal reading di brani da LEZIONI DI TEATRO di Dario Fo e Franca Rame a cura di Ivana Prior.

Alle 21 lo Chapiteau Circo Patuf installato nel parco di Villa Torni accoglie l’anteprima nazionale de IL MAGNIFICO RUZZANTE di Dario Fo recitato da Mario Pirovano, che mette in scena, sotto forma di monologhi, quattro pezzi del Ruzzante ricostruiti da Fo in un linguaggio che ne permette la facile comprensione al pubblico di oggi, pur mantenendo la traccia del dialetto originario. Sono i testi che l’istrionico autore-attore ha recitato per la prima volta nel gennaio 2015 a Bruxelles.

Dopo un intermezzo notturno a cura del Circo Patuf, alle 23 la stessa compagnia presenta IN ALTO MARE, trasformando lo Chapiteau in un transatlantico in viaggio dall’ Europa verso il Nuovo Mondo, tra vele, corde e sale da ballo.

Sabato 22 luglio il tema è invece LE DONNE, I GIOVANI E LO SGHIGNAZZO COME SOPRAVVIVENZA DAL LATO “DEBOLE”. Nel corso della giornata tocca a Ugo Dighero tenere le sue lezioni di teatro sul ruolo dell'improvvisazione, mentre in serata inaugura nel porticato di Villa Torni la mostra UNDRESSED curata dalla regista teatrale Carola Minincleri e dalla fotografa Sofia Fernandez Stenström, nella quale si esplorano le relazioni nell’era dell’iperconnessione virtuale. Alle 18.30 nel porticato di Villa Torni è ospite la rivista Becco Giallo per raccontare IL TRATTO FEMMINILE DELL’INDIGNAZIONE, con 10 anni di fumetti di impegno civile.

Dopo la cena, accompagnata da reading da CRISTINA DI SVEZIA e LA FIGLIA DEL PAPA di Dario Fo, lo Chapiteau Circo Patuf accoglie Ugo Dighero in MISTERO BUFFO di Dario Fo, il lavoro composto da “Il primo miracolo di Gesù Bambino”, tratto dallo spettacolo Storia della tigre e altre storie del 1977, e “La parpàja topola”, tratto da “Il fabulazzo osceno” del 1982.

Dopo l’intermezzo notturno con prosecco, grappa, birra, gelato e anguria, alle 23.30 si torna nello Chapiteau per la messinscena di COPPIA APERTA QUASI SPALANCATA di Dario Fo e Franca Rame con Gianpietro J. Puleo e Alessandra Tesser (restituzione Scuola di teatro, allestimento in due atti).

Nella frescura del parco e sotto gli antichi porticati della barchessa di Villa Torni il CONVIVIUM propone aperitivi, fingerfood, birre artigianali del territorio e vini pregiati, grappe, anguria e gelati dagli antichi sapori – in collaborazione con Cantine Pizzolato e Principe ristorazione.

I BIGLIETTI (che includono sempre una consumazione) variano dai 10 euro di ingresso al parco di Villa Torni ai 25 euro dell’ingresso + spettacolo, passando per i 18 euro degli spettacoli in prima serata.

I biglietti si possono acquistare dall’1 al 20 luglio nei negozi Feltrinelli di Marcon (Centro Commerciale Valecenter),  Mestre (Centro Commerciale Le Barche), Padova (Via S. Francesco 7), Treviso (Via Canova 2). In vendita anche online su www.eventbrite.it. Il giorno dello spettacolo dalle ore 10 in Villa Torni – Ist. Costante Gris - Mogliano veneto- TV

 

INFORMAZIONI

345.5804078 – altinodariofo@gmail.com

www.sanidalegare.eu  -  facebook.com/sanidalegarefestival