Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un progetto si inserisce appieno nell'ambito della Sostenibilità Integrata, di Ca’ Foscari

UNIVERSITÀ DEL VOLONTARIATO, SI "LAUREA" ANCHE IL TERZO ANNO

30 i corsisti giunti al diploma consegnato oggi a Palazzo San Leonardo


TREVISO - 30 esperienze, 30 storie differenti che oggi hanno trovato il loro riconoscimento in un percorso durato un anno.

Sono 30 i corsisti del terzo Anno Accademico dell’Università del Volontariato (selezionati su oltre 100 colloqui effettuati) che hanno ricevuto l’attestato di partecipazione durante la cerimonia ufficiale di Venerdì 23 Giugno, nell’Aula Magna di Palazzo San Leonardo, alla presenza di Fabio Pranovi, Delegato del Rettore alla sostenibilità e Alberto Franceschini Presidente di Volontarinsieme – CSV Treviso.

 

Gli studenti, 20 donne e 10 uomini – dei quali 10 studenti universitari di Ca’ Foscari, 5 cittadini aspiranti volontari e 15 volontari attivi - hanno partecipato con ottima frequenza ai corsi e allo stage, con elaborazione di tesine dall’elevato valore contenutistico.

 

170 ore complessive di lezione (32 per moduli obbligatori, 115 per lezioni specialistiche e 23 ore di lezioni speciaolistiche decentrate o per coordinamenti)

 

31 i docenti complessivamente coinvolti di cui 10 professori universitari e 2 tecnici amministrativi dell’Università Ca’ Foscari Venezia che hanno aderito al progetto in qualità di docenti volontari.

Tra gli altri 19 formatori, 12 hanno comunque partecipato al progetto in qualità di docenti volontari (tra questi spicca per importanza Sua Eccellenza il Prefetto Laura Lega).

 

I corsisti hanno svolto uno stage di volontariato di almeno 20 ore ciascuno presso altrettante organizzazioni del territorio. Particolare appeal hanno avuto gli stage nell’ambito dell’accoglienza dei migranti (4 corsisti) e delle povertà (3 corsisti). Da segnalare che 3 corsisti hanno invece messo a disposizione le conoscenze e competenze acquisite durante il percorso per supportare la propria organizzazione di appartenza nella riorganizzazione interna.

Tra le tesine di maggior valore una dedicata alle eccedenze alimentari; una all’esperienza dei gruppi ama (auto mutuo aiuto) come esperienza e pratica di cittadinanza attiva; un elaborato che apre ad una delle emergenze future del volontariato, cioè il sostegno alle persone anziane non autosufficienti non residenzializzate, e alle loro famiglie; e quella di una corsista studentessa di Ca’ Foscari sulla diversità culturale come opportunità all’interno del quarto obiettivo dell’Agenza 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.

Grazie alla fruttuosa collaborazione tra Volontarinsieme – CSV Treviso e Università Ca’ Foscari Centro SELISI di Treviso, a partire da questa estate sarà avviata un’analisi dell’impatto sociale delle attività realizzate dall’Università del Volontariato presso il Campus Treviso e l’imprenditorialità sociale, con l’impegno di un giovane studente con borsa di stage.

 

Per il prossimo anno accademico sono previsti 4 moduli obbligatori per un totale di 36 ore, e 47 lezioni specialistiche, per un totale di 140 ore di formazione in aula.

 

Da segnalare, tra gli elementi innovativi dell’offerta formativa del prossimo anno, un modulo dedicato a “Economia e finanza per l’innovazione sociale” che conta 5 lezioni specialistiche coordinato dal Prof. Giancarlo Corò - Direttore del Centro SELISI di Treviso. Un modulo sull’Auto Mutuo Aiuto con 6 lezioni specialistiche, tre lezioni dedicate alla Riforma del Codice Unico del Terzo Settore.

Nell’area Cultura e Attualità si svolgeranno due lezioni sull’accoglienza dei migranti e sarà introdotto un incontro residenziale dal titolo “Maschile, femminile, plurale: differenze e violenza”.

Nuovo docente volontario per il prossimo a.a. Giudice Francesco Pedoja - Già Presidente del Tribunale di Pordenone.

 

L’Università del Volontariato di Treviso ha già formato 90 persone che in futuro potrebbero diventare i nuovi dirigenti del Terzo Settore, un ambito in grande trasformazione, come stiamo assistendo – sottolinea Alberto Franceschini Presidente di Volontarinsieme CSV-Treviso – L’alta qualità dei moduli formativi, la professionalità dei docenti, il grande valore umano e sociale degli ambiti trattati, rendono questo percorso un’eccellenza per il territorio. Dal prossimo anno – prosegue Franceschini – saranno introdotti moduli legati al volontariato e allo sviluppo economico, all’innovazione sociale e imprenditorialità, alla conoscenza di strumenti finanziari per misurare l’impatto sociale. In questi anni, più di mille persone hanno partecipato alle lezioni aperte, credo sia un risultato straordinario”.

 

Questo progetto si inserisce appieno nell'ambito della Sostenibilità Integrata, un approccio che Ca’ Foscari ha deciso di adottare ed implementare in tutte le scelte strategiche. In particolare, l'Università del Volontariato si connota per una forte interazione con il territorio, fornendo un servizio importante, attraverso la formazione e le competenze che i docenti del nostro Ateneo mettono a disposizione – spiega Fabio Pranovi, Delegato del Rettore alla sostenibilità – La grande richiesta di partecipazione e i risultati del percorso formativo sono molto positivi così come il crescente interesse degli studenti è un segnale importante nei confronti di un settore in grande trasformazione. L’introduzione di nuovi moduli e tematiche insegnate dai nostri docenti arricchiranno la prossima edizione del corso aggiungendo ulteriori contenuti e competenze trasversali”

 

Le iscrizioni al prossimo anno accademico saranno aperte dal 10 Luglio e proseguiranno fino al 17 Settembre per volontari e cittadini e 30 Settembre per gli studenti universitari.

Qualora le richieste superassero il numero chiuso, sarà effettuata una selezione su base motivazionale.

Per informazioni e iscrizioni rivolgersi a Volontarinsieme – CSV Treviso, al numero 0422/320191 o inviando una e-mail a formazione@trevisovolontariato.org