Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'ex coach della Benetton ha vinto il Michael Goldberg Award

MIKE D'ANTONI: "HO SEMPRE TREVISO NEL CUORE"

Ora è a Houston ma "gli anni alla Benetton sono indimenticabili"


TREVISO Mike D'Antoni, indimenticabile coach della Benetton per quattro stagioni ed ora ad Houston, assieme ad Erik Spoelstra di Miani ha vinto il primo Michael Goldberg Award, per portato i Rockets ad avere il terzo miglior record, 55-27. "Aver vinto il Goldberg è stato gratificante: la stagione che abbiamo vissuto con i Rockets è stata molto bella e soprattutto divertente. Personalmente posso dire in tutta tranquillità che allenare questo gruppo di giocatori mi ha fatto solo piacere, davvero sono stati tutti molto bravi.Houston arrivava dal settimo posto nella Western, è stata assolutamente una buonissima stagione. Harden poi è un giocatore incredibile, uno dei più forti in assoluto della Lega, per un lui un anno storico (29 punti di media in regular, 28.5 nei playoff ndr). Vederlo giocare per me è stato ogni giorno un grande piacere.”
Tutti noi ancora ci ricordiamo dei due scudetti da te vinti a Treviso.
“Gli anni alla Benetton sono stati i migliori. Quelle squadre e quei giocatori sono sempre nel mio cuore, assieme alla città ed ai tifosi. Aver allenato lì è stato un onore. Io e la mia famiglia di Treviso abbiamo ricordi meravigliosi, purtroppo non ho più tempo per tornare da voi, ogni tanto mi sento con Maurizio Gherardini, con Marcelo Nicola, talvolta vedo Tyus Edney o Jorge Garbajosa. Incontrarli mi fa sempre tanto piacere.”
Molte cose nel frattempo sono cambiate: la Benetton fa solo giovanile, ora c’è la TVB in A2 di Vazzoler e Gracis.
“Qui dal Texas so poco o nulla ma certamente la società è in buone mani: ancora adesso voglio ringraziare la famiglia Benetton per ciò che ha fatto per me, oggi tocca a qualcun altro portare avanti la pallacanestro a Treviso.”
Anche Davide Moretti il prossimo anno sarà nel tuo Stato, al college di Texas Tech. E’ stata una buona scelta?
“Ogni università qui è di buon livello, lui sicuramente avrà un grande futuro, anche se bisognerà vedere come andrà all’inizio. Spero comunque che Davide, dopo la buonissima esperienza fatta a Treviso, possa avere successo anche a livello di college."