Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nominati il commissari liquidatori: le azioni confluiranno nella bad bank

BANCHE VENETE, FIRMATO IL DECRETO E STANZIATI 5,2 MILIARDI

Correntisti e obbligazioni senior passano sotto Intesa


ROMA - Diventa ufficiale l'operazione per il "salvataggio" di Veneto Banca e Popolare di Vicenza. Il governo domenica pomeriggio ha firmato il decreto che consente il passaggio della parte buona dei due istituti ad Intesa Sanpaolo, mentre i crediti deteriorati e altre passività  confluiranno in un veicolo, la cosiddetta bad bank, a capitale statale.
Il seguito al provvedimento dell'esevutivo, Bankitalia su proposta del ministero dell'Economia, ha nominato i commissari liquidatori. Sarranno, per il gruppo montebellunese, Alessandro Leproux, Giuliana Scognamiglio e Fabrizio Viola, già amministratore delegato di BpV e consigliere di Veneto Banca. Liquidatori di Popolare di Vicenza, invece, sarano Claudio Ferrario, Giustino Di Cecco e lo stesso Viola,
"I commissari liquidatori - spiega una nota delle due banche -, in attuazione delle indicazioni ministeriali e con il sostegno dello Stato Italiano, hanno provveduto alla cessione di attività e passività aziendali a Intesa SanPaolo S.p.A., che è subentrata nei rapporti della cedente con la clientela senza soluzione di continuità. I crediti deteriorati della banca, esclusi dalla cessione, saranno successivamente trasferiti a una società a partecipazione pubblica".

Il governo ha stanziato, con effetto immediato, 5,2 miliardi di euro: 4,785 come anticipo di cassa, come l'ha definita il ministro dell'Economia, Piercarlo Padoan, per il rafforzamento del capitale e per gestire gli esuberi: sono stimati tagli per circa 4mila unità all'interno del gruppo bancario torinese, che dovrebbero essere gestiti Altri 400 milioni andranno a copertura delle garanzie. Ma l'impegno complessivo dello Stato potrebbe salire fino a 17 miliardi: risorse recuperate dall'aumento del debito pubblico da 20 miliardi deciso alla fine dell'anno scorso, proprio per mettere in sicurezza il sistema bancario.
Assicurata la continuità: gli sportelli delle due banche venete continueranno ad operare senza soluzione di continuità, sotto il cappello di Intesa. Per i correntisti e gli obbligazioni senior non cambierà nulla e transiteranno sotto la nuova banca. Lo stesso vale per i mutui casa, che veranno assunti dal nuovo gruppo proprietario. I clienti retail, cioè piccoli risparmiatori e famiglie, che abbiano acquistato obbligazioni subordinate (ovvero quelle più vicine alle azioni) verranno rimborsati all'80% dallo Stato, il resto verrà messo da Intesa (che stima circa 60 milioni).
Gli azionisti, invece, transiteranno nella bad bank: i loro titoli, dopo essere stati pressoché già azzerati negli ultimi anni, sono destinati a veder cancellato anche il valore residuo.