Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/215: ALLA MONTECCHIA VA IN SCENA IL BANCA GENERALI INVITATIONAL

Quarta tappa del circuito sponsorizzato dal gruppo bancario


SELVAZZANO DENTRO (PD) - In un ambiente speciale, la gara di golf 18 buche stableford, contrassegnata dall’esclusività e dal prestigio di “Banca Generali Private”. Era la quarta delle sette tappe del “Trofeo di golf area nord est” sponsorizzato da Banca...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/214: IL CHALLENGE AIGG RITORNA IN VENETO

Giornalisti golfisti impegnati a Frassanelle e al Colli Berici


PADOVA/VICENZA - Il Challenge dei Giornalisti Golfisti d’Italia 2018, dopo le giornate romane è arrivato in Veneto, nel padovano e nel vicentino. Abbiamo giocato in due particolarissimi Campi, ambientati in luoghi molto interessanti. Nella prima giornata abbiamo goduto della...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/213: BUBBA WATSON RE DEL MATCH PLAY

Ad Austin la seconda tappa del World Golf Championship


TREVISO - Sul percorso dell’Austin CC nel Texas, si è giocato il secondo dei quattro eventi stagionali del World Golf Championship, il mini circuito mondiale Match Play, le cui gare sono di livello solo di poco inferiore ai major e il cui montepremi ammonta a 10 milioni di dollari....continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Concluso anche l'accordo per la vicentina Little English School

H-FARM PUNTA SULL'INTELLIGENZA ARTIFICIALE: ACQUISITA LA TORINESE CELI

Operazione da 2,3 milioni di euro, tra denaro e azioni


RONCADE - Entra nel vivo la strategia di acquisizioni di H-Farm, che sigla due importanti operazioni, dopo l’Opa volontaria appena conclusa.
Il primo accordo riguarda l’acquisizione del 100% di Celi - Language Technology, società torinese, riconosciuta a livello internazionale, leader nel campo dell’intelligenza artificiale, del machine learning e dell’analisi del linguaggio.
Nata più di dieci anni fa come centro di ricerca in linguistica computazionale, in collaborazione con l'università di Torino e la Scuola Normale Superiore di Pisa, oggi Celi è una delle realtà all’avanguardia in Italia nello sviluppo di tecnologie semantiche e analisi dei dati. Ha sviluppato tecnologie di analisi semantica, che innovano i processi aziendali, consentono di interagire in maniera naturale con l’utente e migliorano l'esperienza del consumatore, grazie alla comprensione del significato del linguaggio scritto e parlato.
Con un valore della produzione nel 2016 di 1,8 milioni di euro e un Ebitda di 360 mila, la società piemontese avvalendosi di una ventina di dipendenti e una rete internazionale di consulenti madrelingua, ha rapporti commerciali in Italia e all’estero. Celi andrà ad arricchire l’offerta della divisione Industry di H-Farm, che nel 2016 ha registrato un aumento dei ricavi superiore al 25% rispetto all’anno precedente e che oggi conta oltre 250 dipendenti e in portafoglio i nomi delle più importanti aziende Italiane. Il valore complessivo dell’operazione è di 2,3 milioni di euro, di cui 1,2 milioni con corrispettivo in denaro e il restante con l’attribuzione in azioni di H-Farm.
Il secondo accordo riguarda l’acquisizione della Little English School, la scuola internazionale di Vicenza, che entra a far parte a tutti gli effetti dell’offerta formativa di H-Farm, dopo la firma del preliminare lo scorso 8 giugno. Little English School ha chiuso il 2016 con un valore della produzione di circa 700 mila euro, un Ebitda di circa 60 mila ed una posizione finanziari anetta sostanzialmente in pareggio. In questo caso il valore dell’operazione ammonta a  535mila euro, di cui 250mila sotto forma di liquidità, in resto in titoli del gruppo di Ca' Tron.
“I risultati del primo semestre sono molto buoni e sono contento che dopo aver consolidato i nostri segmenti di servizio, Consulenza e Formazione, oggi iniziamo ad arricchire la nostra offerta con un gioiellino dell’area tecnologia ed allarghiamo la famiglia dei nostri studenti con una bella realtà scolastica del nostro territorio - nota Riccardo Donandon, fondatore e amministratore delegato di H- Farm -. Chiusa la fase dell’Opa ora siamo rientrati in una fase di sviluppo che mira a espandere e rendere sempre più solido il nostro modello di business".