Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/235: ALLA MONTECCHIA LA COPPA DEL MONDO DI TURKISH AIRLINES

Fa tappa in Veneto il campionato amatoriale sostenuto dalla compagnia aerea


SELVAZZANO DENTRO - Con una certa curiosità ho aderito all’invito propostomi dalla compagnia aerea, di partecipare al Turkish Airlines World Golf Cup 2018, inviatomi per tramite dell’Ufficio Stampa italiano della stessa; bello, han fatto le cose molto bene, degne del Club che li...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/234: MOLINARI DECISIVO NELLA RYDER CUP

L'azzurro trascina l'Europa alla vittoria sugli Usa


PARIGI - La tanto attesa storica sfida che ogni due anni mette in competizione gli Stati Uniti d’America e il Vecchio Continente, l’unica competizione in cui l’Europa ha una propria “Nazionale”, gioca sotto un’unica bandiera. I previsti 270mila spettatori, hanno...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/233: FEDEX CUP, IL RITORNO ALLA VITTORIA DI WOODS

Tiger trionfa ad Atlanta, classifica finale a Justin Rose


TREVISO - Istituita nel 2007, la FedEx Cup è un insieme di quattro tornei settimanali del PGA Tour; è una corposa manifestazione di Golf, con il merito di aver introdotto, per prima, il sistema playoff nel golf professionistico. Le gare infatti, quattro, che sono anche la conclusione...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Aveva lasciato il 7 giugno in polemica con alcuni consiglieri di maggioranza

VILLORBA, MARCO SERENA RITIRA LE DIMISSIONI DA SINDACO

Il primo cittadino continuerà a guidare l'amministrazione


VILLORBA - Marco Serena ritira le dimissioni da sindaco di Villorba. Il 7 giugno scorso, durante il Consiglio comunale, il primo cittadino aveva a sorpresa rimesso l'incarico, in polemica con alcuni  
esponenti della sua stessa maggioranza. Allo scadere dei venti giorni, previsti dalla legge per rendere effettiva la decisione, Serena ha fatto un passo indietro: alla base del ripensamento, spiega in una lettera aperta indirizzata ai cittadini, il sostegno ricevuto da due consiglieri di opposizione, che dunque dovrebbero garantirgli l'appoggio nel governo amministrativo, evitando così il commissariamento del Comune.
Serena aveva in particolare puntato il dito contro i consiglieri Emanuela Parchi, Federica Zanier e Luigi Damo, accusati di aver più volte fatto mancare la maggioranza, pur militando nello stesso partito del sindaco, la Lega Nord: "Sono di fronte ad un bivio - aveva detto l'amministratore locale - essere un servo o un uomo libero".

Questa il testo della comunicazione con cui Marco Serena ritira le dimissioni:

"Nei venti giorni trascorsi dalla presentazione in Consiglio comunale delle mie dimissioni da Sindaco del Comune di Villorba ho ricevuto centinaia di attestazioni di stima ed inviti a proseguire l’attività amministrativa.
A tutte le persone con cui sono venuto in contatto ho spiegato e rispiegato le ragioni delle dimissioni: tre consiglieri comunali eletti tra le file della maggioranza non garantivano la tenuta dell’intera compagine, causando così continui problemi e ritardi all’azione dell’amministrazione. Per questo auspicavo le loro dimissioni, perché pur eletti nelle liste a sostegno della mia candidatura avevano poi deciso di tradire il mandato loro assegnato dai villorbesi, dimostrando totale inaffidabilità ed irresponsabilità politica.
In questi venti giorni è però successo anche dell’altro. Ho condiviso con due consiglieri comunali che siedono tra le fila dell'opposizione la preoccupazione per il lungo commissariamento che si sarebbe prospettato per il comune di Villorba con le mie dimissioni. Pensando che questa situazione non potesse coincidere con la volontà invece espressa dai cittadini solo un anno fa, i due consiglieri hanno trovato la forza per assicurarmi il loro sostegno.
Il senso di responsabilità dei consiglieri Alessandro Dussin e Claudio Guidolin merita quindi di trovare ascolto ed accoglimento e, nel primario interesse di chi a Villorba vive e lavora, ho perciò deciso di ritirare le mie dimissioni e quindi mantenere fede al mandato affidatomi dai cittadini".