Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/175: PARLA INGLESE L'OPEN DE FRANCE

Tommy Fleetwood vince l'evento Rolex Series di Parigi


PARIGI - È partito il giorno 29 giugno a Guyancourt, al golf National nei pressi di Parigi, il maggior incontro della stagione golfistica 2017, l’evento Rolex Series del Tour europeo “Race to Dubai”, l’HNA Open de France. È una tappa importante del circuito...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Ad Asolo ore 18 con Lavinia Furlani e Andrea Pozzan, alle 19 sul palco Lucilla Giagnoni

CENTORIZZONTI, UOMO E VINO TRA ARTE E ARTIGIANALITÀ

Una serata e due racconti sulla complessità e bellezza dell'universo vino


ASOLO - Una serata attraverso la quale il progetto culturale in rete Centorizzonti avvicina attraverso l’arte dal vivo e la delicatezza di Lucilla Giagnoni la complessità e l’eccellenza di una produzione cardine dell’Asolano al racconto di essa, che è poi metafora della vita e del destino degli uomini.

Venerdì 30 giugno dalle 18.00 alla Fornace dell’Innovazione di Asolo si svilupperà un nuovo percorso nell’ambito programma 2017 di Centorizzonti Paesi&Paesaggi: si tratta di “Canto di-vino” e protagonista sarà il nettare degli dei, con le molteplici chiavi di lettura a cui si presta, in relazione al territorio, al business, alla storia, agli uomini.

La serata, organizzata con la collaborazione del Comune di Asolo e di Confartigianato Asolo Montebelluna, che quest’anno ha aderito a Centorizzonti con la volontà di portare la cultura alla Fornace, e il coinvolgimento del Consorzio Tutela Vini Montello Colli Asolani, sarà suddivisa in due momenti, uno di approfondimento ed uno artistico, ed entrambi si svolgeranno nell’antico forno.

Il primo sarà la conversazione con Lavinia Furlani, direttore editoriale di Wine Meridian, e Andrea Pozzan, responsabile divisione Risorse Umane di Competenze in Rete, autori del libro “Wine people, X-factor per il successo nel mondo del vino” (2017). Con loro si discuterà degli “uomini del vino”, cioè dei professionisti ai quali è affidato lo sviluppo e la gestione di un mercato fiorente: sono loro, secondo i due autori, a poter fare la differenza nei mercati internazionali oggi, purché sappiano puntare sulle giuste competenze e siano autentici interpreti di un’identità forte e precisa (proveniente dalla cultura, dal territorio, dall’azienda, dal prodotto e, non ultimo, da loro stessi), purché abbiano coraggio e consapevolezza.

Dopo l’approfondimento, alle 19.00 spazio all’arte teatrale e alla performance dell’apprezzata attrice fiorentina formatasi alla Bottega di Gassman Lucilla Giagnoni, “Canto di-vino, del vino e della natura divina. Storie sul vino raccolte e raccontate”, con le musiche di Paolo Pizzimenti.

Con lei si continuerà a parlare di uomini, di vite e di destini legati alla terra e alla produzione del vino, ma cambiando registro, guardando non più al mondo esterno ma dentro se stessi, con quella capacità introspettiva delicata eppure profonda che connota Lucilla Giagnoni. Lo spettacolo è un inno alla bevanda che ci avvicina alla nostra natura di-vina, che ha portato al mondo ciò che ci mancava, l’ebbrezza: inizia con la pianta di vite, con la sua comparsa nel mondo, la cui comparsa è di difficile collocazione nel tempo e nello spazio ma ha rappresentato, questo è sicuro, un incentivo per far abbandonare all’uomo la vita nomade, inducendolo a stabilirsi in luoghi collinari ameni per seguire il ciclo che dura tutto l’anno.

Anche in questa proposta Centorizzonti,  rete di 17 Comuni trevigiani e bellunesi con la concezione artistica di Echidna Associazione culturale, riconosciuta e sostenuta dalla Regione del Veneto, si propone di promuovere identità e appartenenza, capacità attrattiva e conoscenza del territorio. Una produzione che connota e plasma il paesaggio, come quella del vino, non poteva non essere presa in considerazione e, come è nella natura del progetto culturale in rete, approfondita sotto molteplici aspetti e con differenti linguaggi. Questo anche per avvicinarsi a quellapluralità di targeta cui Centorizzonti è rivoltoesui qualiagisce con strategie extracomunali, avvalorando nel contempo il ruolo dei singoli centri e attivando coordinamento e collaborazione, risorse e opportunità, indotto economico.

Al termine dello spettacolo, alle 20.00, seguirà un momento conviviale con appunti di cultura enogastronomica del territorio, degustazioni e cicchetti.

Biglietti: 13,00 euro biglietti interi, 10,00 euro biglietti ridotti, 3,00 euro ragazzi fino a 13 anni
Biglietteria online: mailticket.it
Prenotazioni chiamando i numeri 041 412500 – 3409446568

Per informazioni:www.echidnacultura.it