Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/175: PARLA INGLESE L'OPEN DE FRANCE

Tommy Fleetwood vince l'evento Rolex Series di Parigi


PARIGI - È partito il giorno 29 giugno a Guyancourt, al golf National nei pressi di Parigi, il maggior incontro della stagione golfistica 2017, l’evento Rolex Series del Tour europeo “Race to Dubai”, l’HNA Open de France. È una tappa importante del circuito...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il bilancio del comitato organizzatore del raduno delle penne nere

ADUNATA NAZIONALE ALPINI DI TREVISO, NUMERI DA RECORD

Oltre 650mila partecipanti nella tre giorni


TREVISO - E’ stata battezzata l’Adunata dei record per l’altissimo numero dei partecipanti registrati ma anche l’Adunata della svolta, grazie all’impegno profuso contro i trabiccoli e per sostenere i valori alpini, tra cui la coralità. Ad un mese e mezzo dal raduno delle penne nere a Treviso il Comitato Organizzatore ha fatto il punto e ha elaborato i numeri, registrando successi su tutti i fronti, “grazie al lavoro di squadra e alla collaborazione stretta tra le quattro Sezioni ANA organizzatrici: Treviso, Conegliano, Vittorio Veneto, Valdobbiadene” come ha sottolineato il presidente del COA Luigi Cailotto. Il Comitato Organizzatore si è incontrato ieri, venerdì 30 giugno, nella sede di via San Pelaio 37 a Treviso. I dati illustrati dal presidente Cailotto non vanno però considerati solo dei numeri, per quanto significativi, poiché dietro ciascuna cifra ci sta il lavoro di centinaia di alpini volontari e naturalmente dell’intero Comitato Organizzatore; tutto ciò ha reso l’Adunata del Piave un evento senza precedenti nella storia dell’Ana, a partire dai 650 mila partecipanti nei tre giorni dal 12 al 14 maggio (secondo i dati forniti dalla Questura di Treviso) e gli 80 mila sfilanti domenica 14 maggio dalle 9 alle 21. Un numero impressionante se si pensa che il record di Brescia con le sue 76 mila persone in sfilata è stato abbondantemente superato. Altri dati importanti riguardano l'accoglienza, con una tendenza che si va acuendo di anno in anno, ovvero l’aumento di richieste rispetto al passato per le palestre (56 per oltre 5.500 persone) rispetto alle tendopoli (16 con 9.450 persone).
Un punto di forza è stato senza dubbio il coinvolgimento capillare dei cori Ana attraverso un progetto articolato coordinato dal Maestro Ettore Galvani e che ha portato sabato 14 maggio all’esecuzione di ben 43 concerti nelle chiese di Treviso e della periferia, con la partecipazione di 129 corali mentre 2 mila sono stati i partecipanti al concerto inaugurale di giovedì 11 maggio nel Tempio di San Nicolò. Fondamentale l'impegno culturale nelle mostre e il rapporto con le scuole, anche per coinvolgere le nuove generazioni; assai gradita inoltre la realizzazione di un cofanetto con le cartoline dell'Adunata e gli annulli postali: 4.800 le confezioni vendute. Affrontato con esito positivo l’impegno a contrastare i trabiccoli, che l’anno scorso ad Asti avevano provocato incidenti mortali.
“Tutto ciò è stato reso possibile dal lavoro sinergico e armonico tra alpini e con le tante istituzioni ed enti coinvolti” ha dichiarato il presidente Cailotto che, insieme ai rappresentati del COA, nei prossimi giorni andrà a ringraziare i Sindaci e Consiglieri Comunali dei quattro Comuni.
E se le ultime fasi del bilancio fanno ben sperare anche sul fronte economico,(questa sarà una delle Adunate meno costose), lo sguardo alpino è già rivolto a Trento a cui Treviso ha molto da insegnare ed è per questo che alla riunione di ieri hanno partecipato anche il segretario del COA di Trento Luciano Rinaldi e il vicepresidente della Sezione ANA Renzo Merler. A guidare l’Adunata di Trento sarà proprio un trevigiano, il generale Renato Genovese, residente a Vittorio Veneto, a cui Luigi Cailotto ha passato il testimone.


I NUMERI DELL’ADUNATA DEL PIAVE-TREVISO 2017


650.000 le presenze nei tre giorni dell’Adunata (12-14 magio 2017) secondo la
Questura di Treviso

80.000 alpini circa hanno sfilato domenica 14 maggio dalle 9 alle 21

136.000 persone hanno visitato la Cittadella Militare all’ex pattinodromo

5.500 persone hanno assistito all’interno dello Stadio Tenni all’esibizione dei
Paracadutisti

4.000 persone hanno assistito all’interno dello Stadio Tenni al concerto di 8
Fanfare

135.000 persone affluite alla Stazione FS di Treviso sabato 13 maggio dalla
tarda mattinata a sera

100 treni speciali attivati

350.000 persone trasportate dai pullman e autobus del trasporto pubblico
(Mom) con un impiego di circa 120 mezzi

600 i pullman che hanno parcheggiato nelle 7 aree previste a park

16 le aree per tendopoli e camper, per circa 9.450 presenze

56 i locali (palestre) per alloggi collettivi per 5.544 presenze

423 sono stati gli interventi rappresentati dall’accesso presso i PMA (Posti
Medici Avanzati) di cui 366 dimessi e 57 ospedalizzati

303 le missioni in ambulanza che hanno richiesto l’ospedalizzazione di 22
pazienti

43 i Concerti organizzati il sabato sera con la partecipazione di 129 Cori
nei vari siti (chiese di Treviso centro e periferia)

2.000 persone hanno assistito al Concerto per l’Adunata nel Tempio di San
Nicolò giovedì 11 maggio

352 atleti hanno partecipato a staffetta alla “Marcia dei Cent’anni” lungo il
Piave (220 chilometri da Sappada a Cortellazzo)

104 anni, l’Alpino più vecchio che ha sfilato: Silvio Biasetti del Biellese

4.800 le confezioni di cartoline con annullo postale vendute

4.744 euro raccolti nei due gazebo richiesti dalle Forze Armate pro terremotati

480 tonnellate di rifiuti raccolti da Contarina grazie a 280 volontari e 48 Alpini che hanno aiutato a gestire la raccolta per complessive 306 ore lavorative. Si è ottenuto una raccolta differenziata pari al 67 per cento.