Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Cartelli e magliette contro la cessione: "Per noi nessuna Intesa"

AZIONISTI OCCUPANO LA SEDE DI VENETO BANCA IN PIAZZA A MONTEBELLUNA

Una quarantina di persona ha dato vita ad una protesta


MONTEBELLUNA - Riesplode la rabbia dei piccoli risparmiatori contro l'acquisizione delle banche venete da parte di Banca Intesa.
Un gruppo di soci - una cinquantina - ha dato vita ad una manifestazione di protesta davanti alla storica filiale, un tempo anche sede centrale, di Veneto Banca, in piazza Dall'Armi in pieno centro a Montebelluna. Gli azionisti hanno indossato anche magliette con la scritta "Per noi soci nessuna Intesa", gridando slogan e innalzando cartelli. Al centro delle contestazioni il fatto che l'operazione veda penalizzati, in primo luogo, proprio la base sociale delle ex popolari: confluendo nella cosiddetta "bad bank", in liquidazione coatta, dopo essere crollate a 10 centesimi di valore, le azioni verranno del tutto cancellate. Ma i manifestanti temono che venga anche cancellato il fondo da 60 milioni di euro predisposto dalle due (ormai ex) banche per i casi di soci in condizioni di grave disagio socio-economico.
I manifestazioni sono anche entrati nella filiale, continuando all'interno il loro sit-in. Sul posto sono giunti anche i Carabinieri. Una nuova protesta, duque, dopo l'episodio del 26 giugno scorso, quando un azionista aveva minacciato il suicidio all'interno della stessa agenzia bancaria.