Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/235: ALLA MONTECCHIA LA COPPA DEL MONDO DI TURKISH AIRLINES

Fa tappa in Veneto il campionato amatoriale sostenuto dalla compagnia aerea


SELVAZZANO DENTRO - Con una certa curiosità ho aderito all’invito propostomi dalla compagnia aerea, di partecipare al Turkish Airlines World Golf Cup 2018, inviatomi per tramite dell’Ufficio Stampa italiano della stessa; bello, han fatto le cose molto bene, degne del Club che li...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/234: MOLINARI DECISIVO NELLA RYDER CUP

L'azzurro trascina l'Europa alla vittoria sugli Usa


PARIGI - La tanto attesa storica sfida che ogni due anni mette in competizione gli Stati Uniti d’America e il Vecchio Continente, l’unica competizione in cui l’Europa ha una propria “Nazionale”, gioca sotto un’unica bandiera. I previsti 270mila spettatori, hanno...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/233: FEDEX CUP, IL RITORNO ALLA VITTORIA DI WOODS

Tiger trionfa ad Atlanta, classifica finale a Justin Rose


TREVISO - Istituita nel 2007, la FedEx Cup è un insieme di quattro tornei settimanali del PGA Tour; è una corposa manifestazione di Golf, con il merito di aver introdotto, per prima, il sistema playoff nel golf professionistico. Le gare infatti, quattro, che sono anche la conclusione...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Forniti anche i sistemi per i parcheggi, tutto controllato da un unico cervellone

LA TECNOLOGIA CAME APRE LE PORTE DELL'EXPO 2017 AD ASTANA

Cento tornelli dell'azenda di Dosson per gestire i 5 milioni di accessi


CASIER - La tecnologia Came vola in Kazakistan per aprire le porte ai visitatori di Astana Expo -2017. È made in Italy il sistema di controllo accessi progettato per gestire gli ingressi al sito dell’Esposizione Universale dedicata al tema "Energia del futuro". Il sistema realizzato da Came, azienda di Dosson leadr nelle soluzioni integrate per l’automazione di ambienti residenziali, pubblici e urbani, gestirà l’accesso dei 5 milioni di persone attese all’evento tra giugno e settembre.
Al centro della piattaforma tecnologica sviluppata da CAME c’è il tornello a tripode XVia, dotato di testa di lettura intelligente e progettato dal gruppo italiano per Expo Milano 2015. Questa automazione è stata appositamente studiata per gestire la grande complessità di dati e di variabili connesse alla lettura di tutti i tipi di titoli d’ingresso e l’elevato numero di periferiche e di visitatori che accederanno nello stesso momento al sito espositivo di Astana.

Gli accessi pedonali del polo espositivo di Astana sono controllati da 56 tornelli automatici di questa tipologia e da 4 tornelli a battente Saloon, appositamente installati per gestire l’ingresso dei visitatori diversamente abili. Sono presenti, inoltre, 11 tornelli a tripode Twister per l’accesso agli uffici degli organizzatori e al centro logistico.
Completa la fornitura anche un sistema di gestione automatica dei parcheggi per l’accesso di abbonati, visitatori, operatori e VIP alle 8 aree di posteggio presenti all’esterno del sito espositivo che dispongono complessivamente di 5.300 posti auto, alle quali si aggiungono le 3 aree riservate allo staff dell’evento, con 350 posti auto. Complessivamente sono state installate 100 unità di ingresso e uscita, di cui 14 a doppia altezza per i pullman, 18 telecamere OCR per il riconoscimento della targa delle auto, 20 casse automatiche PS One per il pagamento della sosta, 35 tabelloni segnaletici per la gestione degli spazi gratuiti e 12 barriere Gard, per un totale di 185 dispositivi collegati.

Il sistema è gestito da un unico server collegato a tutte le aree attraverso una complessa rete in fibra ottica, un’unica rete di supervisione e monitoraggio in tempo reale, che prevede anche un sistema Voip per la gestione delle chiamate citofoniche provenienti dai varchi e dalle casse automatiche.
Grazie all’esperienza dei tecnici in campo tutto l’impianto di gestione dei parcheggi è stato completato e messo in servizio in soli 20 giorni lavorativi.