Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Parte dalla Marca il progetto di Assocamerestero e Camera di commercio

L'AGROALIMENTARE CHIAVE PER CONQUISTARE I MERCATI ESTERI

Operatori del Nord America alla scoperta delle eccellenze venete


TREVISO - Prosecco, ma non solo: l'agroalimentare traina le esportazioni della Marca e del Veneto. Nel primo trimestre del 2017 l'export regionale in questo comparto ha registrato un aumento del 7,1% rispetto al medesimo periodo del 2016, vendendo all'estero beni e servizi per 14,8 miliardi di euro e una bilancia in attivo per 3,3 miliardi. Le esportazioni venete rappresentano il 13,6% del totale nazionale, mentre quelle trevigiane ammontano al 21% della quota regionale,
Ma ci sono ulteriori potenzialità di crescita. Soprattutto facendo conoscere meglio agli operatori stranieri l'autentico made in Italy alimentare, contrastando un fenomeno purtroppo sempre più diffuso, come il cosiddetto “Italian sounding”, ovvero prodotti con un'assonanza di italianità nel nome, ma poco o nulla di tricolore nella sostanza.
A questo mira, ad esempio, il progetto “True Italian Taste”, promosso dall'Associazione camere di commercio italiane all'estero, con un educational tour per operatori di Stati Uniti, Canada e Messico, dedicato alle eccellenze enogastronomiche venete e friulane e partito proprio dalla Marca trevigiana.
Non a caso, all'iniziativa ha aderito anche la Camera di commercio di Belluno e Treviso. Per presidente Mario Pozza, infatti, il territorio, oltre alla riconosciuta capacità produttiva, deve migliorare nella promozione e nella commercializzazione dei propri prodotti.
Dal 10 al 15 luglio, dunque una delegazione di nove addetti ai lavori provenienti dal Nord e centro America verrà condotta a scoprire i veri cibi e bevande nostrane, i luoghi e le tecniche di produzione. Con quali obiettivi? Lo spiega Pina Costa, responsabile relazionie esterne e comunicazione di Assocamerestero.