Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/261: IL RITORNO DELLA TIGRE

Tiger Woods trionfa nel Mastersdi Augusta


AUGUSTA - Questo è il primo Major stagionale, il più ambito. Ha luogo nella consueta cornice dell’Augusta National, in Georgia, quel percorso tanto voluto dal mitico campione Bobby Jones. In Campo è presentela crema dei professionisti,i migliori giocatori del mondo, e tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/260: WGC, L'ÉLITE MONDIALE SI SFIDA IN MATCH PLAY

Vittoria a Kisner, ottimo terzo Francesco Molinari


AUSTIN (TEXAS) - È il secondo dei quattro eventi stagionali del World Golf Championship, le cui gare sono di livello inferiore solo ai major. Il WGC -Dell Technologies Match Play che si gioca in Texas sul percorso dell’Austin CC, è di spessore assoluto: nel field sono stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/259: AL VIA LA NUOVA STAGIONE DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Come di consueto l'Aigg apre il campionato 2019 al Marco Simone


ROMA - La primavera era già esplosa, quando siamo andati a Roma per l’avvio del tour dei giornalisti golfisti. Alla prima giornata di tappa, però, abbiamo preso la pioggia. Come di consueto, il primo incontro era al Marco Simone Golf & Country Club, alle porte di Roma, che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Banche venete, nuova protesta davanti alla sede centrale di BpV

LA RABBIA DEI RISPARMIATORI DIVENTA UN LENTO CORTEO TRA CASTELFRANCO E VICENZA

In auto a velocità ridotta hanno raggiunto il capoluogo berico


CASTELFRANCO V.TO - Prosegue sempre più serrata la protesta dei risparmiatori delle ex banche popolari venete. E stavolta i soci azzerati hanno puntato direttamente sulla sede centrale di BpV, in via Battaglione Framarin a Vicenza.
Ritrovatisi venerdì, nel primo pomeriggio, nel parcheggio del centro commerciale "I Giardini del Sole" di Castelfranco, i piccoli azionisti con un corteo di una quarantina di auto, a velocità ridotta, hanno attraversato la provincia di Treviso e quella di Vicenza, per giungere nel capoluogo berico, fino davanti all'ormai ex quartier generale dell'istituto di credito. Inevitabili i disagi al traffico.
Una lenta processione, attraverso una terra fulcro del Veneto produttivo, ma oggi duramente segnata proprio dalla crisi delle ex popolari e dalla perdita di vari miliardi di euro andati in fumo nel crollo del valore delle azioni.
Ancora una volta, sotto accusa finisce il decreto governativo che sancisce il passaggio di Veneto Banca e Vicentina al gruppo Intesa Sanpaolo. Lunedì in Senato è in calendario la votazione per la definitiva conversione in legge del provvedimento, dopo il via libera già concesso dalla Camera. I risparmiatori, però, non si arrendono: "Continuiamo la nostra battagli di civiltà, verità e giustizia  - conferma Aldo Walter Baseggio, del Coordinamento Don Torta -, non ci fermeremo finchè questo Stato assente non ci darà una risposta".

Galleria fotograficaGalleria fotografica