Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Banche venete, nuova protesta davanti alla sede centrale di BpV

LA RABBIA DEI RISPARMIATORI DIVENTA UN LENTO CORTEO TRA CASTELFRANCO E VICENZA

In auto a velocità ridotta hanno raggiunto il capoluogo berico


CASTELFRANCO V.TO - Prosegue sempre più serrata la protesta dei risparmiatori delle ex banche popolari venete. E stavolta i soci azzerati hanno puntato direttamente sulla sede centrale di BpV, in via Battaglione Framarin a Vicenza.
Ritrovatisi venerdì, nel primo pomeriggio, nel parcheggio del centro commerciale "I Giardini del Sole" di Castelfranco, i piccoli azionisti con un corteo di una quarantina di auto, a velocità ridotta, hanno attraversato la provincia di Treviso e quella di Vicenza, per giungere nel capoluogo berico, fino davanti all'ormai ex quartier generale dell'istituto di credito. Inevitabili i disagi al traffico.
Una lenta processione, attraverso una terra fulcro del Veneto produttivo, ma oggi duramente segnata proprio dalla crisi delle ex popolari e dalla perdita di vari miliardi di euro andati in fumo nel crollo del valore delle azioni.
Ancora una volta, sotto accusa finisce il decreto governativo che sancisce il passaggio di Veneto Banca e Vicentina al gruppo Intesa Sanpaolo. Lunedì in Senato è in calendario la votazione per la definitiva conversione in legge del provvedimento, dopo il via libera già concesso dalla Camera. I risparmiatori, però, non si arrendono: "Continuiamo la nostra battagli di civiltà, verità e giustizia  - conferma Aldo Walter Baseggio, del Coordinamento Don Torta -, non ci fermeremo finchè questo Stato assente non ci darà una risposta".

Galleria fotograficaGalleria fotografica