Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Banche venete, nuova protesta davanti alla sede centrale di BpV

LA RABBIA DEI RISPARMIATORI DIVENTA UN LENTO CORTEO TRA CASTELFRANCO E VICENZA

In auto a velocità ridotta hanno raggiunto il capoluogo berico


CASTELFRANCO V.TO - Prosegue sempre più serrata la protesta dei risparmiatori delle ex banche popolari venete. E stavolta i soci azzerati hanno puntato direttamente sulla sede centrale di BpV, in via Battaglione Framarin a Vicenza.
Ritrovatisi venerdì, nel primo pomeriggio, nel parcheggio del centro commerciale "I Giardini del Sole" di Castelfranco, i piccoli azionisti con un corteo di una quarantina di auto, a velocità ridotta, hanno attraversato la provincia di Treviso e quella di Vicenza, per giungere nel capoluogo berico, fino davanti all'ormai ex quartier generale dell'istituto di credito. Inevitabili i disagi al traffico.
Una lenta processione, attraverso una terra fulcro del Veneto produttivo, ma oggi duramente segnata proprio dalla crisi delle ex popolari e dalla perdita di vari miliardi di euro andati in fumo nel crollo del valore delle azioni.
Ancora una volta, sotto accusa finisce il decreto governativo che sancisce il passaggio di Veneto Banca e Vicentina al gruppo Intesa Sanpaolo. Lunedì in Senato è in calendario la votazione per la definitiva conversione in legge del provvedimento, dopo il via libera già concesso dalla Camera. I risparmiatori, però, non si arrendono: "Continuiamo la nostra battagli di civiltà, verità e giustizia  - conferma Aldo Walter Baseggio, del Coordinamento Don Torta -, non ci fermeremo finchè questo Stato assente non ci darà una risposta".

Galleria fotograficaGalleria fotografica