Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/220: BROOKS KOEPKA FA IL BIS ALL'US OPEN

Il terribile campo di Shinnecock Hills fa strage di big


TREVISO - Risale al 1891 la storia di questo percorso che nasce a 12 buche, alle porte di New York. Seguirono le altre 6 nel 1895, poi subì modifiche nel 1920, per essere completato nel 1931. Oggi il percorso è un par 70 di ben 6.808 metri. Da sempre considerato tra i più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Seconda edizione all’insegna del coinvolgimento di tutte le anime del territorio

RESTIVAL 2017, 15MILA VISITATORI IN 5 GIORNI

Il Festival della Restera di Casale sul Sile ha registrato il pienone


CASALE SUL SILE - All’insegna della musica, dell’enogastronomia, ma anche del teatro e della moda, le cinque giornate targate Restival hanno registrato il pienone. Oltre 15.000 visitatori, dal 20 al 24 luglio, hanno preso parte all’edizione 2017 del festival della Restera di Casale sul Sile, dove, al Porto di Casale, proprio vicino alla chiesa e alla Torre dei Carraresi, tra il mercatino con 60 stand, 10 chioschi enogastronomici, sui 2 palchi allestiti si sono alternati 80 artisti e performer, dai gruppi musicali per tutti i gusti, dal folk al rock, agli acrobati e illusionisti, dal teatro alla danza, e anche la moda ha avuto il suo momento.

Tutto lo staff è molto contento del risultato - commentano Roberto Stefani e Roberto Apazzi a nome de gli organizzatori di Restival - e anche i ristoratori presenti ci hanno dimostrato soddisfazione. Siamo partiti subito forte il giovedì, proseguendo bene il venerdì per poi giungere al sabato con un risultato al di sopra delle nostre aspettative. La domenica abbiamo messo in scena una sfilata di moda insieme a 8 negozi locali, evento molto sentito dal pubblico. E infine il lunedì, nonostante la pioggia e l’abbassamento delle temperature.


Insomma, siamo davvero soddisfatti e registriamo sicuramente oltre 15.000 presenze, ma con ogni probabilità nei cinque giorni abbiamo complessivamente sfiorato anche quota 20.000. Ora? Le basi sono solide, abbiamo ovviamente ampi margini di miglioramento, l’obiettivo è quello di far crescere ancora di più il festival per farlo

diventare uno dei principali appuntamenti fissi della bassa trevigiana, a cavallo tra le province di Treviso e Venezia. Tutto lo staff ringrazia le istituzioni, gli sponsor, i sostenitori e i volontari: senza tutte queste componenti, Restival non sarebbe possibile
”.

Dunque, una seconda edizione all’insegna del coinvolgimento di tutte le anime del territorio. Gli organizzatori hanno mantenuto la promessa, nessuno si è annoiato. Restival ha così regalato al pubblico un programma di serate a 360°: emozionante lo spettacolo teatrale del grande Gigi Mardegan direttamente dalla sua barca, vero e proprio palcoscenico galleggiante, scoppiettante il duo veneto Do’Storieski, la band folk composta da Leo Miglioranza e Alberto Cendron, magico lo spettacolo di Trabuk, il “prestigiatore di piazza” premiato in tutto il mondo, in scena assieme alla trapezista Miss Jenny Pavone, scatenanti i ritmi della zumba, salsa, merengue e bachata grazie a ViviFit e AcquaFit 2.0, divertenti a non finire i The Black Blues Brothers, acrobati-musicisti su note rhythm&blues, affascinante “Sile in Stile”, che per la prima volta ha portato una vera e propria sfilata in riva al fiume, con la collaborazione di vari commercianti della zona.

E, ovviamente, tantissima musica con i Four Roxx Down, progetto acustico che spazia dal rock, al pop al blues, con i “Tra Liga e Realtà”, cover band ufficiale di tributo a Ligabue con oltre 1.000 concerti alle spalle e presenze anche al Chiambretti Show, con i Silverado, la band veneziana famosa in Italia e all’estero, con Mr. Alboh, cantautore e compositore di musiche per film e televisione, visto a X-Factor e nella serie Rai “Tutto può succedere”. Non è stato trascurato il momento dell’aperitivo. Le giornate, infatti, sono state introdotte dai djset di dj Giorgio Sany e dj Luca Lazzaroni, AlexJ, Ivano Dj.

Il festival, con il patrocinio del Comune di Casale sul Sile e dell’Ente Parco del Fiume Sile, è stato possibile grazie al sostegno di Masiero (main sponsor), Coop Alleanza 3.0, Pubbliservice, Banca di Credito Cooperativo di Monastier e del Sile, Foto Ottica Bonazzon, Forniture Cruzzolin, Hotel Sirenetta, Data System Gruop, Traslochi La Fenice, Uno Due, Rete Casa, Impresa Costruzione Torresan, Sannio Tecnology e molti altri piccoli e grandi sostenitori.