Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Eviterà alle categorie deboli lunghi viaggi per prestazioni specialistiche

A BORGO CAVALLI IL NUOVO AMBULATORIO "ANZIANI E FRAGILITÀ"

14 ambulatori polifunzionali in 500 metri quadrati


TREVISO - Un ambulatorio mirato a evitare ai pazienti con più di 75 anni, disabili, bambini o donne in gravidanza la scomodità il viaggio per ricevere prestazioni specialistiche in sedi troppo distanti rispetto alla residenza. Nasce dal progetto del Direttore generale Francesco Benazzi, ed è stato inaugurato oggi a Treviso dal presidente della Regione Luca Zaia un nuovo centro dell’Azienda Ulss 2 Marca Trevigiana.

Il nuovo poliambulatorio preferenziale “Anziani e Fragilità” è stato ricavato al secondo piano del complesso sanitario di Borgo Cavalli a Treviso, in centro città. Si estende su una superficie di oltre 500 metri quadrati. L’investimento complessivo da parte dell’Ulss 2 è stato di oltre 640.000 Euro, 200.000 dei quali destinati ad attrezzature e impianti tecnologici. Sono stati realizzati 14 ambulatori specialistici (tutti polifunzionali), 2 ampie sale d’attesa, 2 depositi e locali di disimpegno, 2 gruppi di servizi igienici e tutti i necessari spazi accessori.



“Qualità sanitaria–
ha detto il Governatore – in questo caso, come in molti altri in Veneto, si coniuga con una particolare attenzione alle persone in condizioni di fragilità che, in quanto tali, hanno il diritto di ricevere le cure nella maniera logistica più comoda per loro. E’ un fatto di civiltà, un forte segnale di umanizzazione del rapporto tra sanità pubblica e cittadino, verso il quale si concentrano tutti i nostri sforzi. Risultati concreti raggiunti investendo passo dopo passo, negli ospedali come sul territorio, che troppo spesso vengono trascurati dagli immancabili denigratori, ai quali dico: se davvero non siete soddisfatti di una realtà di livello internazionale come la sanità veneta, che eroga prestazioni che nel resto mondo si ottengono solo pagando salatissime polizze assicurative, nessuno vi trattiene. Restituite la tessera sanitaria e provate a rivolgervi altrove”.

“Oggi diamo una risposta a tanti appelli giunti dai cittadini più fragili tra i residenti nella zona del capoluogo – sottolinea Francesco Benazzi, Direttore generale -. Tanti, in particolare anziani sopra i 75 anni, in questi mesi ci hanno segnalato la difficoltà di recarsi soprattutto a Motta od Oderzo per sostenere la prima prestazione disponibile che viene assegnata dal Cup come prevede la normativa. Ma il nostro lavoro è anche trovare soluzioni che favoriscano l’accesso del cittadino ai servizi e penso che ci siamo riusciti. Questo progetto è partito a gennaio e oggi il poliambulatorio preferenziale è già attivo; ringrazio tutti coloro che hanno partecipato a questo sforzo affinché il servizio fosse realizzato e reso operativo in tempi rapidi. Ringrazio anche il Presidente della Regione che con la sua presenza ha posto l’accento sull’importanza di questa scelta a favore di una parte così significativa della nostra popolazione”.

Grazie alla collaborazione con Oras, sono già attivi i 5 ambulatori a favore dei residenti del Comune di Treviso e dei comuni limitrofi in condizioni di fragilità, al fine di evitargli l’assegnazione di prestazioni specialistiche in sedi scomode per lontananza dal domicilio. Sono già attivi gli ambulatori di Cardiologia (con Ecocardiografia e Holter), Oculistica, Angiologia (con Ecodoppler vascolare), Ecografia clinica.

In seguito si amplieranno a Neurologia e Chirurgia per il trattamento di formazioni cutanee. Gli altri 9 sono destinati ad altra attività del Servizio Sanitario Nazionale nei seguenti ambiti: Ecografia diagnostica, Ginecologia, Chirurgia vascolare, Medicina interna, Psichiatria.